domenica 11 giugno 2017

Riflessione sul Vangelo di Domenica 11 giugno 2017, Festa della SS.ma Trinità: S. Matteo, 28, 18-20



Riflessione sul Vangelo di Domenica 11 giugno 2017, Festa della
Ss.ma Trinità:  san Matteo, 28, 18-20.   Di  Paolo  Pasqualucci

“In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli:  È dato a me ogni potere in cielo e in terra.  Andate, dunque, e istruite tutte le genti, battezzandole in nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, e insegnando loro ad osservare tutto quello che io vi ho comandato.  Ed ecco che io sarò con voi tutti i giorni sino alla consumazione dei tempi”  (Messale Romano quotidiano. Testo latino completo e tr. it. di  S. Bertola e G. Destefani, commento di D. C. Lefebvre O.S.B., disegni di R. De Cramer. Edizione aggiornata 1962.  Ediz. S. Francesco di Sales, Priorato S. Carlo, Montalenghe, Torino, pp. 852-3).

* * *

I.

Disse, dunque, Gesù risorto ai suoi Discepoli:  “andate e istruite tutte le genti”, nessuna esclusa:  euntes, docete (mathetésate).  Istruite, insegnate.  E non, dialogate, per cercare di costruire con le genti non convertite la giustizia sociale e politica su tutta la terra, la “pace” in tutto il mondo; l’illusoria pace del mondo, che non è quella di Cristo.
La missione della Chiesa, istituita da Nostro Signore con la missione degli Apostoli, aventi il Beato Pietro a loro capo per espressa designazione del Signore stesso (“Pasci i miei agnelli”, Gv 21, 15 ss.), è quella di insegnare:  Chiesa docente, come si è sempre detto.  Insegnare nel dovuto modo, si capisce:  con la predicazione e l’esempio della santa vita di sacerdoti e suore.  Nell’insegnamento, oltre alla definizione delle verità di fede e alla condanna dell’errore, alla spiegazione e alla controversia, è incluso anche il “dialogo” cioè il discorso caritatevole e paziente per convertire e confermare nella fede.  Ma giammai per altri fini, al modo dell’odierno “dialogo ecumenico”, interconfessionale, interreligioso, intramondano in generale, il quale ha abbandonato l’insegnamento della Verità Rivelata già con l’espresso e inaudito rifiuto di condannare gli errori, per cercare la verità appunto nel dialogo in comune con le fedi, credenze e miscredenze del resto dell’umanità, non convertita e ostile alla Parola di Cristo!  Ciò che si chiama oggi “dialogo” contraddice ex sese la missione della Chiesa, ordinata dal Signore in persona.

II.

Disse inoltre Nostro Signore:  “mi è stato dato ogni potere in cielo e in terra”.   Precisando; “in cielo” ha voluto ribadire che Egli, risorto dai morti, era il re del cielo oltre che della terra.  In quanto re anche “in cielo”, Egli, assiso alla Destra del Padre, esercita direttamente la sua  divina summa Potestas ossia governa non solo il Regno celeste ma anche il Purgatorio e l’Inferno, servendosi delle Gerarchie angeliche.
 La potestà sua “completa” (“ogni potere”) sulla terra la vuole esercitare indirettamente, attraverso gli Apostoli ossia attraverso la Chiesa da Lui fondata, il cui capo, il Romano Pontefice, è appunto il suo Vicario in terra iure divino.  In nome di questa potestà, che viene delegata nella potestà d’ordine e di giurisdizione dei sacerdoti, questi ultimi sono legittimati ad insegnare per convertire, per condurre le anime a Cristo, strappandole alla presa di Satana, “principe di questo mondo”.  Ciò significa che i sacerdoti di Cristo non possono insegnare ai popoli facendo di testa loro: innovando, ovvero modificando o aggiungendo o togliendo, rispetto a quello che Gesù stesso ha insegnato e che è stato conservato dal Magistero della Chiesa nell’immutabile Deposito della Fede.  Essi hanno il dovere di insegnare scrupolosamente ai popoli “ad osservare tutto quello che io vi ho comandato”.  Tutto quello che Lui ha comandato loro (ai sacerdoti) di osservare e di insegnare. E quindi tutte le verità da Lui rivelate sulla fede e sui costumi, in modo che, insegnandole, i suoi sacerdoti possano contribuire in modo decisivo, oltre che alla salvezza delle anime, anche alla costruzione di una società e di uno Stato cristiani.

III.

La menzione della Ss.ma Trinità compare nella formula del Battesimo.  Essa mostra la natura trinitaria e nello stesso tempo unitaria della Divinità.
La formula trinitaria del Battesimo, enunciata dopo la Resurrezione, conclude, possiamo dire, la rivelazione del mistero della natura trinitaria di Dio, resa esplicita dalla predicazione dello stesso Gesù, come risulta in modo inequivocabile dal Vangelo di san Giovanni.
Questo Vangelo, scritto per ultimo, presuppone gli altri tre e li integra.  Lo si potrebbe definire il Vangelo della Ss.ma Trinità poiché la teologia della natura trinitaria del Dio Uno, vi si trova ampiamente esposta:  san Giovanni, per divina ispirazione, ha voluto conservare in particolare quest’aspetto fondamentale della predicazione del Signore.
 Gesù ci illustra ripetutamente la sua unità con il Padre, unità che è però identità assoluta (consustanzialità, secondo la posteriore e corretta definizione della teologia dei Padri ortodossi, durante le feroci lotte contro le abominevoli eresie cristologiche).  Ci ha dunque insegnato che Egli agiva sempre per mandato del Padre; che predicava insegnando solo ciò che aveva udito dal Padre; che faceva sempre e solo la volontà del Padre; che la sua missione l’eseguiva in nome del Padre; che nessuno poteva “venire al Padre se non per me”( Gv 14, 6), essendo Lui l’unica porta delle pecore, il Buon Pastore, in conseguenza del fatto che “Io e il Padre siamo uno”(Gv 10, 30), ossia dell’esser Egli non un semplice profeta fornito di càrismi straordinari, bensì addirittura il Verbo fattosi carne nell’ebreo Gesù di Nazareth, individuo storicamente esistito.  Perciò chi vedeva Lui vedeva il Padre e chi disprezzava Lui disprezzava il Padre, che l’aveva mandato.
“Cristo è un individuo, non è un tipo; e la sua opera è individuata e non può perciò essere riconosciuta in qualunque opera [ cioè anche nell’anelito inconsavevole delle altre religioni, come vorrebbe il falso ecumenismo attuale]. È, la sua, l’opera dell’individuo Cristo, il quale Cristo, è, come Dio, la Seconda Persona e, come uomo, il figlio di Maria, la sposa di Giuseppe – Mt 1, 16”(Romano Amerio, Stat Veritas.  Seguito a “Iota unum”, Milano-Napoli, Riccardo Ricciardi Editore, 1997, p. 19). 
L’unità assoluta con il Padre, di sostanza, ab aeterno, costituisce il fondamento della sua promessa dell’invio dello Spirito Santo, il Consolatore o Paraclito, lo Spirito di Verità, la Terza Persona della Ss.ma Trinità (cap. 16 del vangelo di san Giovanni).
“Tuttavia io vi dico in verità: È utile per voi che me ne vada [che io muoia] perché, se io non vado, il Paraclito [parákletos]non verrà a voi; ma se io me ne andrò, ve lo manderò.  E quando sarà venuto accuserà il mondo di peccato, di giustizia e di giudizio…”(Gv 16, 7-8); 
“Quando sarà venuto lo Spirito di verità, egli v’insegnerà tutta la verità; giacché non parlerà da se stesso ma vi dirà quanto udrà e vi annunzierà le cose che dovranno succedere.  Egli mi glorificherà perché prenderà dal mio e ve lo annunzierà.  Tutto ciò che ha il Padre è mio; perciò ho detto che prenderà dal mio e ve lo annunzierà” (Gv 16, 13-15).
Lo Spirito di verità completerà gli insegnamenti del Signore.  E come potrà farlo?  Perché non parlerà “da se stesso” ma dirà agli Apostoli “quanto udrà  e annunzierà le cose che dovranno accadere”.  Riferirà non del suo ma quanto udrà. Inoltre, conferirà agli Apostoli lo spirito di profezia:  essi profetizzeranno grazie allo Spirito Santo (vedi, ad esempio, la profezia di san Paolo sulla conversione finale degli Ebrei, negli ultimi tempi – Rm 11, 25 ss.).
Ma da  c h i  “udrà” lo Spirito Santo? Da Gesù stesso, ossia dal Figlio, ma in quanto il Figlio è Uno con il Padre.  Infatti, lo Spirito Santo renderà gloria al Figlio perché, annunziando agli Apostoli ciò che udrà dal Figlio, in ciò facendo, “prenderà dal suo”, del Figlio stesso.  Ma potrà “prendere dal suo” del Figlio perché il “suo”del Figlio è ab aeterno “il suo” del Padre:  onde, ci testimonia il Figlio, “tutto ciò che ha il Padre è mio”, poiché siamo Uno.  Grazie a questo titolo (l’esser cioè del Padre nell’unità consustanziale col Figlio), tutto ciò che ha il Padre verrà “preso”e “annunziato”dallo Spirito come ciò che è “suo” del Figlio.  


IV.


Dai Testi, risulta inequivocabilmente, nella natura trinitaria-unitaria del vero Dio,  la natura sovrannaturale e divina del Consolatore annunciato, che è Spirito di verità:  lo Spirito Santo.  Possiamo pertanto respingere in tutta tranquillità le false interpretazioni pullulanti  dentro e fuori la Chiesa.

a. Dentro la Chiesa, non penso ovviamente alle eresie antitrinitarie del passato, sviluppatesi poi nel c.d. unitarianismo diffusosi in certe sette protestanti, quanto a quelle del presente, diffuse per esempio dal famoso ed influente teologo gesuita Karl Rahner.
Nel suo sintetico Corso fondamentale della fede. Introduzione al concetto del Cristianesimo, nel quale tenta di reinterpretare la nostra religione alla luce della filosofia esistenzialistica di Martin Heidegger, applicandone pedissequamente le categorie, egli liquida in tre pagine e mezzo la dottrina trinitaria.  Dopo aver dichiarato, bontà sua, incomprensibili i concetti di “ipostasi”, “persona”, “essenza”, “natura” e insostenibile quello agostiniano (?) di una “dottrina trinitaria psicologica”, il Rahner tenta di proporre sinteticamente un oscuro concetto di “Trinità immanente”. A quanto è dato capire, il Padre, il Figlio, lo Spirito Santo sarebbero per noi ragion d’essere di situazioni date (Gegebenheitswesen) così come ci appaiono  all’interno dell’economia esistenziale concreta della nostra “storia della salvezza”; le situazioni nell’ambito della cui logica l’unico Dio viene via via concepito come Padre, come Logos, come Spirito (K. Rahner, Grundkurs des Glaubens. Einführung in den Begriff des Christentums, 1976, Herder, Freiburg im Breisgau, 1984, pp. 139-142: Zum Verständnis der Trinitätslehre).
b. Fuori della Chiesa, è tornata a circolare, non ostacolata, a quanto ne so, da alcun dottore cattolico, la falsa esegesi musulmana di Giovanni 16, 6-8 sopra citato, costruita a partire dalla ben nota sura 61, 6 del Corano o delle file serrate.
Ricorda, inoltre, quando Gesù, figlio di Maria, disse: ‘o figli d’Israele, io, certo, sono l’apostolo di Dio, inviato  a voi, per confermare il Pentateuco che vi è stato dato prima di me, e per annunciare un apostolo che verrà dopo di me, e il cui nome sarà Achmad; ma, quando questi [cioè, Achmad, Maometto] venne ad essi, colle prove evidenti, quelli [i cristiani] dissero: ‘questo è un sortilegio manifesto’”.
Spiega in nota l’illustre traduttore del Corano:  “Achmad significa, come Muhammad (Maometto), ‘il glorioso, il glorificato’’; Maometto allude qui alla promessa del Paracleto fatta da Gesù.  Achmad è il greco periklitós; perciò i musulmani sostengono che parákletos sia una falsificazione di periklitós” (Il Corano.  Nuova versione letterale italiana con prefazione e note critico-illustrative del dr. Luigi Bonelli, rist. anast. della III ediz., Hoepli, Milano, 1983, p. 532).
Dunque, il Signore non avrebbe detto: vi manderò il Consolatore bensì “vi manderò Maometto” ma i discepoli invidiosi avrebbero alterato il nome, evidentemente in odio a Maometto.  Lo Spirito di verità promesso, sarebbe stato allora Maometto, venuto circa sei secoli dopo!  Questa pazzesca “interpretazione” va confutata con argomenti, perché oggi, nella crassa ignoranza che circonda colpevolmente la nostra religione, ogni fantasia, bugia ed eresia viene presa per buona.
Ecco alcuni argomenti:

1. Non so quanto questa “esegesi”sia valida sul piano filologico, voglio dire in relazione al significato dei termini in questione nel greco e nell’arabo del tempo.  Il Gemoll dà di peryklitós, aggettivo del linguaggio epico, il significato di “celebre intorno, assai celebre, celeberrimo, famosissimo, signorile, magnifico”, più che di “ glorioso, glorificato”.  Gesù avrebbe allora detto:  “vi manderò il famosissimo” o “il magnifico”.  In ogni caso, questi termini, così come “glorioso” o “glorificato”, appaiono tutti privi di senso in relazione al discorso che il Signore sta facendo agli Apostoli.  Colui che Egli avrebbe mandato non poteva che essere un sovrannaturale Spirito di verità, il Consolatore per l’appunto, se vogliamo attribuire al discorso stesso del Signore un senso, in relazione a tutto quello che stava spiegando ai Discepoli.  Consolatore, perché avrebbe sorretto di forza spiritualmente sovrannaturale, consolante e salvifica l’anima provata nelle tempeste della persecuzione, imminente ed annunciata da Gesù stesso, procedendo nello stesso tempo ad istruire e guidare nella verità rivelata, in quanto appunto Spirito di verità.

2.  Inoltre,  il Signore fece capire chiramente ai Discepoli che il Consolatore l’avrebbe inviato molto presto, poco dopo esser Egli “andato via” ovvero ritornato al Padre, dopo la sua Passione e Morte imminenti, non dopo chissà quanto tempo, dopo secoli.  E difatti, lo Spirito Santo venne in maniera sensibile con il miracolo della Pentecoste, circa dieci giorni dopo l’Ascensione di Nostro Signore risorto al cielo.

3. Non è da credere che Maometto pensasse espressamente a Gv 16, 6-8 quando ha recitato ai suoi seguaci la sura in questione.  Non sappiamo cosa egli conoscesse dei due Testamenti e in particolare del Vangelo.  È sicuro che egli è venuto in contatto con il cristianesimo delle sette eretiche presenti nella penisola arabica. Nessun testo dei due Testamenti parlava di lui; perciò egli ha pensato bene, ad ogni buon conto, di affermare nelle sue “rivelazioni”, che Gesù (da non confondersi con il Gesù nostro, storico) aveva preannunciato l’avvento di un profeta che si sarebbe chiamato come lui, Maometto, Achmad. Sono stati poi i polemisti musulmani che, in un secondo tempo, sono andati a spulciare i nostri Testi sacri per rinvenirvi ad ogni costo ciò che propalava il Corano. 

4.  Su di un altro piano, non si capisce per qual motivo l’autore del Vangelo di Giovanni, san Giovanni, avrebbe dovuto falsificare il testo.  In odio, a chi?  A uno che non conosceva?  I maomettani sostengno da sempre che ebrei e cristiani hanno falsificato l’Antico e il Nuovo Testamento al fine di cancellare i riferimenti ivi contenuti a Maometto, autoelettosi a sigillo dei Profeti.  La tesi è talmente assurda da apparire persino ridicola, anche se obbligata, per loro, dal momento che Maometto è del tutto sconosciuto ai due Testamenti.  E perché l’avrebbero fatto, il falso? E chi, quali ebrei e cristiani?  Ma per odiare qualcuno bisogna pur conoscerlo, non si può certo odiare uno che non si conosce e della cui esistenza non si ha la minima idea, dal momento che non è ancora nato (e lo sarebbe, nato, sei secoli dopo).
5.  Il Consolatore annunziato dal Signore è chiaramente uno Spirito sovrannaturale, divino, per via delle caratteristiche che il Signore stesso gli attribuisce. Tra di esse, lo spirito di profezia, che il Nuovo Testamento dimostra esser stato posseduto dagli Apostoli in varia misura. Ora, Maometto, per tacere dei tratti sensuali e sanguinari della sua personalità, ampiamente dimostrati, non ha mai fatto profezie, non aveva alcuno spirito di profezia.  Anche alla luce di quest’ultima considerazione si capisce che il Signore non poteva assolutamente riferirsi a lui. 
6. Infine, in quanto “Spirito di verità”, che perfeziona l’insegnamento di Cristo Nostro Signore, sia in campo religioso che morale, Colui che il Signore assunto in Cielo avrebbe prestissimo inviato ai Discepoli per assisterli, se (tanto per dire) si fosse trattato di un uomo, non avrebbe mai potuto essere uno come Maometto, la cui visione etico-politico-religiosa, codificata nel Corano, se rappresentava per certi aspetti un progresso rispetto alla mentalità e agli usi primitivi dei beduini della penisola arabica del tempo, costituiva e costituisce sia in generale che nel particolare una negazione manifesta della concezione cristiana della vita e del mondo, in tutti i suoi aspetti.

Paolo  Pasqualucci,  Domenica 11 giugno 2017,
Festa della Santissima  Trinità.            


venerdì 2 giugno 2017

La condanna del peccato di omosessualità nel Nuovo Testamento


LA CONDANNA DEL PECCATO DI OMOSESSUALITA’ NEL NUOVO TESTAMENTO.

Raccolta dei testi ad uso dei partecipanti alle Processioni di Riparazione per le nefande Parate del c.d. “orgoglio gay”.  A cura di Paolo  Pasqualucci. Traduzioni italiane da: “La Sacra Bibbia” della CEI, Ediz. Paoline, 1963.


1. SANTI  VANGELI

 Gesù Cristo Nostro Signore ha citato ben quattro volte la distruzione improvvisa per intervento divino di Sodoma e Gomorra, città pervase dal peccato contro natura, quale esempio di punizione esemplare di chi si INDURISCE nel peccato, ergendosi superbamente e perversamente contro la volontà di Dio.

I relativi passi si trovano in:  S. Matteo 10, 15; 11, 24;  S. Luca 10, 12; 17-32.

C’è poi un passo nel quale l’omosessualità deve ritenersi da Lui inclusa in tutte le fornicazioni, che sono peccati gravi, mortali:  Mt 15, 17-20.

VANGELO  DI  SAN  MATTEO

“In verità vi dico:  nel giorno del Giudizio il paese di Sodoma e Gomorra sarà trattato meno severamente di quella città” (Mt 10, 15).

Di quale città? Di quella città che si fosse rifiutata di ricevere o di ascoltare gli Apostoli, da Lui inviati a predicare per convertire i peccatori.  Il grave ammonimento fu ripetuto poco dopo:

“E tu Cafarnao, sarai esaltata sino al cielo? Tu discenderai all’inferno: perché se in Sodoma fossero avvenuti i miracoli operati in te, oggi ancora sussisterebbe.  E però vi dico, che nel giorno del Giudizio il paese di Sodoma sarà trattato meno duramente di te” (Mt 11, 21-24).

Cafarnao aveva rifiutato la predicazione della Buona Novella.  Pertanto, il suo destino finale sarebbe stato persino peggiore di quello di Sodoma. Infatti, dice il Signore, se a Sodoma fossero accaduti i  miracoli effettuati a Cafarnao, la città si sarebbe convertita e “ancora sussisterebbe”.  Ora, nel giorno del Giudizio essa sarà trattata “meno duramente”delle città ebraiche impenitenti (ossia di tutti coloro che non avranno voluto coscientemente credere) ma non sarà certamente assolta.  Anzi, proprio la condanna improvvisa, fulminea e totale di Sodoma serve da punto di riferimento, da metro di giudizio per determinare la gravità di un peccato e quindi per affermare che l’incredulità degli Ebrei (e di tutti coloro che non avranno voluto credere con piena cognizione di causa) è addirittura più grave di un peccato così grave come quello di Sodoma e Gomorra, che rappresenta la corruzione dei costumi spinta sino alla ribellione contro la legge naturale stabilita da Dio per i rapporti tra i due sessi, in odio a Dio.

L’inclusione degli atti omosessuali tra le fornicazioni si deduce dal seguente passo del Vangelo di san Matteo.

“Non capite che quanto entra per la bocca, passa nel ventre e va a finire nella latrina?  Ma quel che esce dalla bocca viene dal cuore, ed è questo che contamina l’uomo; poiché dal cuore vengono i cattivi pensieri, gli omicidi, gli adultèri, le fornicazioni, i furti, le false testimonianze, le bestemmie: queste cose contaminano l’uomo, ma il mangiare senza lavarsi le mani non contamina l’uomo”(Mt 15, 17-20).  

Riprovando il formalismo dei Farisei, con la loro ossessione per la purezza rituale, il Signore distingue nettamente tra gli “adultèri”(adulteria, moicheiai) e le “fornicazioni”(fornicationes, porneiai).  L’adulterio è l’infedeltà coniugale.  Le fornicazioni comprendono, evidentemente, tutti i rapporti sessuali di persone non sposate.  E quindi tutte le violazioni del Sesto Comandamento, secondo natura o contro natura che siano.  Anche l’adulterio è peccato di fornicazione, però con aggiunto il peccato della violazione della fede coniugale.  Potrebbero le “fornicazioni” qui menzionate dal Signore escludere quelle contro natura?  Non potrebbero, evidentemente, per la natura stessa del concetto, tale da impedire una simile esclusione. 

  VANGELO  DI  SAN  LUCA

San Luca riporta l’invettiva di cui a Mt 11, 21-24 in modo quasi identico, aggiungendovi un illuminante commento del Signore stesso.

“Io vi dico che, nel gran giorno [del Giudizio], Sodoma sarà trattata meno rigorosamente di quella città [dove non vi avranno accolti].  Guai a te, Corazin, guai a te, Betsaida! […]  E tu Cafarnao, sarai forse elevata fino al cielo?  Tu sarai precipitata sino all’inferno!  Chi ascolta voi, ascolta me,  e chi disprezza voi, disprezza me.  Chi disprezza me, disprezza Colui che mi ha mandato”(Lc 10, 12-15).

Ma Nostro Signore ricordò nuovamente il destino tragico di Sodoma nelle sue profezie sugli ultimi tempi, che vedranno il ritorno del Figlio dell’Uomo, predetto da Lui stesso quale evento improvviso e fulminante, che non lascerà  scampo a nessuno.

“E come avvenne al tempo di Noè, così avverrà al tempo del Figlio dell’uomo:  mangiavano e bevevano, si sposavano e facevano sposare i propri figli, fino al giorno in cui Noè entrò nell’arca; ma venne il diluvio e li fece tutti perire.  Altrettanto avvenne al tempo di Lot:  mangiavano e bevevano, compravano e vendevano, piantavano e costruivano; ma il giorno in cui Lot uscì da Sodoma, Dio fece piovere fuoco e zolfo dal cielo e fece perire tutti”(Lc 17, 26-29).
Continuando nella profezia, Nostro Signore aggiunse:  “Lo stesso avverrà nel giorno in cui il Figlio dell’Uomo dovrà apparire”.  In quel giorno nessuno dovrà voltarsi indietro, non gli sarà consentito:  “Ricordatevi della moglie di Lot! Chi cercherà di salvare la sua vita, la perderà; e chi la perderà, la conserverà”(ivi, 30-32).

La moglie di Lot, disobbedendo all’ordine degli Angeli di fuggire verso il monte senza voltarsi, “si voltò indietro a guardare” la città che bruciava “e diventò una colonna di sale”(Gen 19, 26).  Il Diluvio universale e la fine di Sodoma sono dunque proposti a noi da Nostro Signore quali esempi della giustizia divina, esempi classici, si potrebbe dire, nella cultura e mentalità ebraiche.   Ciò significa che Egli approvava quelle condanne e quei castighi; riteneva giusto che l’umanità fosse punita per i suoi peccati nel modo che Dio ritenesse opportuno, a seconda della loro gravità.  Riteneva quindi giusto che il peccato contro natura dei sodomiti fosse stato punito col fuoco e lo zolfo caduti subitamente dal cielo.
Riscontrato tutto ciò sui Sacri Testi, estremamente chiari e limpidi, come osano tanti oggi sostenere, purtroppo anche tra il clero, che Gesù non avrebbe mai parlato dell’omosessualità e quindi, per ciò stesso, non l’avrebbe mai condannata? Nello spirito della tradizione religiosa ebraica (vedi Ezechiele 16, 48-50), ha Egli portato o no più volte a severo monito, approvandola, la condanna di Sodoma e Gomorra quale esempio di condanna divina esemplare dei peccati gravi di un’intera comunità, scientemente induritasi in quei peccati?  E ciò non basta a dimostrare che Egli ha condannato l’omosessualità?  Che altro doveva dire?
Invece di cercare di falsare o di occultare il senso autentico delle Sacre Scritture, i propagandisti e sostenitori a vario livello della presente, terrificante deriva omosessualista (attivi purtroppo anche nella Gerarchia cattolica!), non farebbero meglio, innanzitutto per la salvezza della loro anima, a meditare seriamente le parole di Nostro Signore sul terribile ma giusto castigo di Sodoma sventurata? 
Sembrava a quei depravati che tutto dovesse continuare in eterno come prima, immersi nel benessere, nelle loro intense attività, nei loro vizi infami, ma improvvisamente un giorno, “il giorno in cui Lot uscì da Sodoma, Dio fece piovere fuoco e zolfo dal cielo e fece perire tutti”:  Parola del Signore, il Verbo Incarnato, che conferma per noi, con la sua divina autorità, i fatti testimoniati nella Bibbia [cfr. Genesi, cap. 19]. 
Senza preavviso la Divina Giustizia fece perire tutti di una morte orribile, tutti lì incenerì in un baleno.  Come i poveri giapponesi di Hiroshima e Nagasaki, peraltro vittime innocenti della crudeltà della guerra.  Anzi, peggio, perché in Giappone ci furono dei superstiti e la vita è tornata nelle città ricostruite.  A Sodoma e Gomorra, invece, non si è salvato nessuno e le anime di tutti, ci fa capire il Signore, sono andate all’Inferno, dove attendono, sempre nel tormento del fuoco, il giorno del Giudizio Universale, che confermerà la loro condanna per l’eternità.  Il sito di quelle città, inizialmente fertilissimo, è da allora una tetra e spettrale solitudine di sale, acqua salmastra e bitume.  Se si continuerà ad offendere gravemente Dio, come a Sodoma, andrà a finire anche per noi come a Sodoma, quale che sia la forma specifica del castigo, se l’acqua o il fuoco o la terra spalancatasi sotto di noi.


2.  LE  LETTERE  DI  SAN  PAOLO,  DI  SAN  PIETRO,  DI SAN GIUDA APOSTOLO

Nelle Lettere di san Paolo (Lettera ai Romani e Prima Lettera ai Corinti) si trovano due passi sull’omosessualità, uno dei quali famoso, l’altro quasi mai citato, nel quale l’Apostolo delle Genti insegna che anche gli omosessuali possono salvarsi l’anima se si convertono a Cristo e mutano vita, cosa del tutto possibile con l’aiuto della fede e della Grazia.

“Per questo [per la loro incredulità] Iddio li ha abbandonati a delle turpi passioni.  Lo loro donne infatti hanno cambiato l’uso naturale in quello che è contro natura; e gli uomini pure, abbandonato l’uso naturale della donna, si sono accesi di perversi desideri gli uni per gli altri, commettendo turpitudini maschi con maschi, ricevendo in se stessi la mercede meritata dal loro pervertimento.  E siccome non si sono dati pensiero di conoscere Iddio, Iddio li ha abbandonati a dei perversi pensieri…”(Rm 1, 24-32).

Ma la severa condanna del peccato, la cui causa profonda è da vedersi nella superbia provocata dalla mancanza di fede nell’esistenza di Dio, il quale ci priva pertanto del suo indispendabile aiuto per resistere al male, non fa venir ovviamente meno la carità nei confronti del peccatore, quale che sia il suo peccato.  Anche gli omosessuali, maschi e femmine che siano, possono dunque salvarsi e alla fine accedere alla vita eterna, se si convertono a Cristo.  Devono però pentirsi e mutar vita.  Ciò viene ricordato dall’Apostolo nella I Lettera ai Corinti, in un passo nel quale egli ricorda ai fedeli che:

gli ingiusti [iniqui] non possederanno il regno di Dio. Attenti a non illudervi:  né fornicatori, né idolatri, né adulteri, né effeminati, né sodomiti, né ladri, né avari, né ubriaconi, né maldicenti, né rapitori saranno eredi del regno di Dio.  E tali eravate alcuni di voi, ma siete stati lavati, ma siete stati santificati, ma siete stati giustificati nel nome del Signore Gesù Cristo e mediante lo Spirito del nostro Dio” (1 Cr 6, 9-11).

La distinzione tra effeminati (molles, malakoi) e sodomiti (masculorum concubitores, arsenokoitai) non è meramente letteraria, quasi si trattasse di un’endiadi: san Paolo specifica che il peccato omosessuale coinvolge ugualmente entrambi i suoi protagonisti, non riguarda solo il soggetto passivo dello stesso, come ritenevano e ritengono erroneamente molti.  Però entrambi possono pentirsi, vincere la loro cattiva inclinazione (che non risulta da nessun cromosoma, checché ne dica oggi una certa pseudoscientifica propaganda); purificarsi, infine salvarsi l’anima, se si convertono a Cristo, la cui misericordia “li lava” da questo peccato, come lava e purifica da tutti i peccati ogni peccatore veramente pentito, che venga umilmente a Lui, desideroso di obbedire ai suoi insegnamenti.
     
Nella II Lettera di san Pietro troviamo di nuovo un preciso riferimento al castigo esemplare di Sodoma e Gomorra nonché l’affermazione, per noi oggi di grande conforto, di come il Signore non abbandoni i giusti ma li aiuti a sopravvivere spiritualmente e a salvarsi l’anima anche quando costretti a vivere in una società dominata dall’empietà, come purtroppo sta diventando la nostra.  Il Beato Pietro ribadisce, inoltre, che Dio ha stabilito la condanna della dannazione eterna per l’empio, ossia per il peccatore indurito nel proprio peccato e che addirittura lo ostenti, in odio a Dio e alle leggi da Lui stabilite.
“Che se Dio non risparmiò gli Angeli che peccarono, ma dopo averli precipiati nell'inferno, li confinò negli abissi tenebrosi, dove li riserva per il giudizio; se non risparmiò l’antico mondo, ma salvò, con altri sette, Noè, annunziatore di giustizia, mentre mandò il diluvio sul mondo degli empi; se condannò alla distruzione e ridusse in cenere le città di Sodoma e di Gomorra, perché fossero di esempio a tutti gli empi futuri; e se liberò il giusto Lot, rattristato dalla condotta di quegli uomini senza freno nella loro dissolutezza – poiché quest’uomo, pur abitando in mezzo a loro, si manteneva giusto di fronte a tutto quello che vedeva ed ascoltava, nonostante che tormentassero ogni giorno la sua anima retta con opere nefande ---  il Signore sa liberare dalla prova gli uomini pii e riserbare gli empi per essere puniti nel giorno del giudizio, specialmente quelli che seguono la carne nei suoi desideri immondi e disprezzano l’autorità.”(2 Pt 2, 4-11).

Concetti quasi identici sono esposti nella quasi contemporanea Lettera di san Giuda Apostolo, detto Giuda Taddeo, fratello di san Giacomo il Minore  e quindi parente di Gesù, ai vv. 6-8

Paolo  Pasqualucci,  venerdì  2 giugno 2017









sabato 6 maggio 2017

Rec 2 - "I muri adesso parlano: ex-operatrici delle cliniche abortiste raccontano la loro conversione" - Recensione di P. Pasqualucci

    
Rec 2 – “I muri adesso parlano:  ex-operatrici delle cliniche abortiste raccontano la loro conversione” – Recensione di P. Pasqualucci


Sommario:  1. I muri adesso raccontano la vera storia.  2. Un trauma salvifico.  3. Un aborto chimico.  4. L’oscuramento e il risveglio della coscienza.  5.La vocazione a difendere i diritti e la salute delle donne e la dura realtà.  6.  Un luogo tenebroso, immerso nel sangue: il Laboratorio dei Prodotti della Concezione. 7.  L’arma della Preghiera per combattere con efficacia il flagello dell’aborto.  8. La battaglia politico-culturale per sconfiggere l’aborto: spunti e punti fermi.

Così ho tradotto il titolo di un recente libro: Abby Johnson, with Kristin Detrow, The Walls are Talking.  Former Abortion Clinic Workers Tell Their Stories, Ignatius Press, San Francisco, 2016, pp. 155.  Le “testimonianze personali”(stories) narrate nel libro sono per l’appunto quelle della loro conversione alla scelta “per la vita”(pro-life).    
Come spiega nella brevissima Prefazione l’Autrice, nota e coraggiosa protagonista delle attuali battaglie pro-life, questo libro “non costituisce una lettura piacevole.  Tuttavia, è una lettura necessaria. Infatti, narra le autentiche esperienze di chi, avendo lavorato in passato nelle cliniche abortiste, ha acconsentito a raccontare le proprie esperienze in questo libro, contenente anche la mia propria testimonianza”[1].  L’Autrice, infatti, ad un certo punto della sua vita ha voluto interrompere una gravidanza servendosi di una pillola abortiva:  la testimonianza del terribile fatto, del quale si è amaramente pentita, costituisce un paragrafo tra i più sconvolgenti del libro.
Le sedici storie del volume sono raccontate in prima persona, con l’uso di nomi di fantasia, al fine di proteggere la privacy delle protagoniste.
L’importanza del libro è molteplice:
1.  fa vedere come veramente funzioni l’industria dell’aborto e che cosa veramente sia, per la gran parte delle donne, la devastante esperienza di un aborto volontario, sia dal punto fisico che psichico.  E ciò mi sembra di fondamentale importanza dal momento che il grande trauma psicofisico che è l’aborto per la donna che lo subisce, viene in genere nascosto o edulcorato.  Il che è anche comprensibile, se vogliamo:  trattandosi di un evento orribile in tutti i sensi, è naturale che si cerchi di rimuoverlo o di occultarne la vera natura.
2.  Il libro, inoltre, mette bene a fuoco  le motivazioni che hanno alla fine indotto queste donne a staccarsi dalla “industria dell’aborto” e, quand’era il caso, a rinnegare completamente il loro passato di convinte attiviste pro-choice. Queste donne, sottolinea l’Autrice, “hanno lasciato i loro [in genere ben retribuiti] posti di lavoro nell’industria dell’aborto e si sono esposte con le loro storie personali, non per desiderio di gloria o di notorietà ma per fare la differenza.  Vogliono che la conoscenza delle loro esperienze cambi in meglio la vita degli altri.  Vogliono che il caos della loro vita passata si trasformi in un messaggio di speranza” (op. cit., p. 9).
3. Il libro fa riflettere anche sul modo corretto d’agire per indurre le donne in crisi a non abortire nonché alla conversione (è la parola giusta) e a far cambiare lavoro il personale delle cliniche, costituito in gran parte da donne, molte delle quali hanno a loro volta abortito.  Fa vedere, infatti, quanto sia sbagliato, oltre che poco cristiano, cercare di terrorizzarle invocando per esse l’eterna dannazione e/o minacciarle verbalmente e/o fisicamente.  Bisogna, al contrario, affidarsi alla preghiera e al discorso granitico sui principi ma misericordioso nei confronti del singolo: è, del resto, il vero metodo cattolico.  Soprattutto alla preghiera, ai Rosari pubblicamente recitati davanti alle cliniche, l’Autrice, convertitasi al cattolicesimo, attribuisce un significativo impatto sulle coscienze, nonostante le apparenze.
Il perché del titolo è spiegato in una breve Introduzione di sei pagine.

1.  I muri adesso raccontano la vera storia.   Nel 1996 fu prodotto in America un film per la TV, con tre note attrici, intitolato:  If These Walls Could Talk, se questi muri potessero parlare.  Cosa direbbero?  Racconterebbero le storie di tre donne diverse che, per tre generazioni successive, avevano abitato in una stessa casa, trovandosi tutte e tre ad un certo momento in una situazione di gravidanza indesiderata.  A causa dei  “pregiudizi” dell’epoca nessuna era riuscita ad abortire.  Nel primo episodio, la protagonista, vedova rimasta incinta del cognato dopo una occasionale notte di follia propiziata dall’alcol, per la vergogna del fatto, tenta di abortire di nascosto in casa con l’aiuto di una mammana e muore.  Nel secondo, abbiamo la moglie di un poliziotto, madre di quattro figli, presentata come se fosse di fatto “la schiava dei quattro figli e del marito”, che riprende a studiare, a frequentare il College e a far piani finalmente personali per la sua vita, quando si trova inaspettatamente in attesa, per la quinta volta.  Ora l’aborto volontario è diventato legale, ma la donna non se la sente e decide, triste e avvilita, di continuare la gravidanza.  Infine, il caso della promettente studentessa universitaria che resta incinta del suo professore coniugato:  nonostante le pressioni di una sua amica molto religiosa e i clamori dei Pro-life attestati fuori della clinica,  decide di abortire  ma viene ammazzata da “un pro-life terrorista” che irrompe in sala operatoria.
Queste le tre storie di supposta vita vissuta raccontate dai muri della casa che fa da sfondo alle eroine del film.  Come si può vedere, si tratta di storiacce inverosimili, in specie la prima e la terza, tipiche di certi copioni di Hollywood, scritti per diffondere una determinata ideologia.  E tuttavia questo film, secondo l’Autrice, ha avuto un notevole impatto, presentando per l’appunto il diritto di abortire a scelta della donna come un diritto ingiustamente conculcato, che bisognerebbe, invece, riconoscere alle donne in nome della loro dignità e libertà di scelta.
Io il film ovviamente non l’ho visto ma immagino che non ci fosse molto spazio per problemi etici di questo tipo:  passi per il momento di fragilità della vedova attratta o insidiata dal cognato, cosa che non ne giustificava comunque l’aborto, ma che dire della studentessa universitaria diventata l'amante del suo professore ammogliato?  Non ci ha forse sempre insegnato la religione cattolica che bisogna “evitare le occasioni prossime del peccato”? I problemi etici di contorno al fenomeno diffuso dell’aborto volontario, sono in realtà problemi fondamentali  e andrebbero pur affrontati, anche al cinema,  dato che il tristo fenomeno, diventato di massa, è evidentemente il risultato di una caduta collettiva del senso morale; dell’ormai collettiva indifferenza (e persino del disprezzo) per i buoni ed onesti costumi che si devono mantenere, ad ogni costo, perché la morale non può esser impunemente cancellata dal libitum del nostro io, dalla pura volontà del soggetto (uomo o donna che sia) di perseguire i suoi desideri, quali che siano, pena le più gravi conseguenze, individuali e collettive.
Il film, nota Johnson, grazie anche alla bravura delle attrici, riusciva nel suo intento, quello di insinuare l’idea che l’aborto dovesse ritenersi una cosa giusta, per salvare le protagoniste da una situazione  scabrosa o per alleviarne il carico familiare.  Ma esso dava una rappresentazione comunque falsa del movimento pro-life, presentandolo come un coacervo di estremisti con tendenze criminali ed inoltre, sempre sul piano della verità, glissava abilmente su questo dato fondamentale ed indistruttibile:  “che per ogni donna aggravata da una gravidanza non voluta c’è un’altra vita in gioco:  un essere umano innocente – una vita messa con facilità ai margini e dipinta semplicemente come un fardello; un grave impaccio, un’afflizione dalla quale donne sfortunate possono esser salvate solo grazie ad un aborto sicuro e legale”(p. 13).
Quest’ultimo rilievo, estremamente pertinente, fa vedere come il film contribuisse a smorzare nelle donne l’istinto materno, in loro innato e normalmente assai potente (l’antitodo naturale più efficace nei confronti di ogni propaganda abortista), per sovrapporvi la vocazione alla felicità individuale, concepita come un diritto che lo Stato doveva riconoscere.  Il film era utilizzato in senso pedagogico dagli abortisti. Il libro ne offre un esempio.  Nella clinica dove ella stessa era manager, la saletta delle donne in attesa di procedura era chiusa a chiave, completamente isolata dal comune.  Obiettando a questo fatto,  Johnson si sentì rispondere dalla sua “supervisora”: “vai a vedere If  These Walls Could Talk e capirai”.  Al tempo, dopo averlo visto, Johnson fu completamente convinta dall’idea conduttrice del film: ne ricavò che il problema della “segregazione” delle donne in attesa di abortire era del tutto secondario rispetto all’esigenza di sicurezza per loro e per il personale medico, impegnato nella ”missione” di garantire alle donne la loro “libertà di scelta” (pp. 14-15). 
I tre scenari costruiti dal film, afferma essa oggi, sono frutto di “una cattiva logica e di distorsioni”.  Ad essi vanno opposte verità autentiche,  come quelle difese dal movimento pro-life.  Cosa che è anche stata fatta, per esempio dalla scrittrice Randy Alcorn, con il suo impegnativo testo: ProLife Answers to ProChoice Questions, expanded and updated, revised ed. (Sisters, Oregon: Multnomah Publishers, 2000). 
Perciò lo scopo di questo suo libro, sottolinea, non è l’elaborata e sottile controversia bensì la pura e semplice testimonianza, in tutta la sua forza.  Ci insegna infatti l’ Apocalisse:  “Or essi l’hanno vinto [l’Accusatore dei nostri fratelli, il Demonio] in virtù del sangue dell’Agnello e con la parola della loro testimonianza”(Ap 12, 11).  Quindi:  “render pubblica testimonianza della mia personale vicenda di madre postabortiva e di ex-direttrice di una clinica di Planned Parenthood: questo è diventato lo scopo della mia vita”(p. 14).
Il giorno 26 settembre 2009 si verificò un evento decisivo per l’attuazione di una decisione che stava maturando da tempo. 

2. Un trauma salvifico.   “Mi fu inaspettatamente richiesto di assistere ad un aborto provocato con gli ultrasuoni.  La cosa mi eccitava. Dopo tutto non era stata nominata “Impiegata dell’Anno di Planned Parenthood per il 2008”?  La mia ambizione era quella di ascendere ulteriormente nella scala gerarchica e vi stavo riuscendo velocemente.  Non avendo mai visto un aborto causato dagli ultrasuoni, mi rallegravo dell’opportunità di ampliare le mie conoscenze.
Invece di arricchirmi di un addestramento assai utile per la mia carriera, ciò che vidi su quello schermo mi spalancò di colpo gli occhi:  vidi tutto l’orrore dell’aborto.  Non potevo più nascondermi la vera natura del lavoro che facevo – né giustificare i miei propri aborti.   Stando in piedi  immobile, vidi un bambino ancora non nato di tredici settimane combattere e infine perdere la vita dentro il ventre di sua madre, smembrarsi e scomparire nella cannula, un tubo di plastica attaccato con un flessibile alla macchina aspirante.
Ancor oggi lotto di continuo con il senso di colpa, la vergogna, il peso del rimorso.  Desidero con tutta l’anima render pubblica la mia esperienza e sono fermamente determinata a far capire alla gente la vera realtà dell’aborto.   Voglio che si conosca la verità,  che cosa esso fa ad uomini, donne e nascituri.  Questo è il significato, l’anima di questo libro”(pp. 14-15).
L’Introduzione  così si conclude.
I muri adesso parlano è una raccolta di esperienze vissute, mie personali e di altre donne le cui vite sono state mutate per sempre dall’aborto.  Sarà una lettura difficile, a volte ardua da accettare, tuttavia  i muri della clinica potranno finalmente parlare mediante queste donne:  sarà bello vedere la luce della verità e del perdono rischiarare un luogo così tenebroso.
Prego ardentemente affinché queste donne coraggiose, parlando apertamente e condividendo le loro esperienze,  possano trovare pace e nascere ad una nuova vita; e affinché i loro racconti mostrino che cos’è veramente l’aborto.  Prego perché i bambini siano salvati, le donne siano distolte dal fare una scelta così disperata, gli uomini incoraggino e sostengano le loro compagne nel scegliere la vita.  Imploro chi non si è mai trovato nella crisi provocata da una gravidanza indesiderata o non ha mai lavorato nell’industria dell’aborto,  di offrire una misura extra di perdono [grace] e compassione mentre legge.
Come dice Gesù:  “Chi di voi è senza peccato scagli la prima pietra” (Gv 8, 7)”( pp. 15-16).
Di fronte ad un testo come questo, al recensore non rimangono molti commenti da fare:  la cosa parla da sola, come si suol dire.  Non so se questo libro verrà un giorno tradotto in italiano, con l’aria che tira. Cercherò, pertanto, di darne un’idea articolata, cercando nello stesso tempo di far vedere i ragionamenti, le motivazioni che hanno spinto queste donne ad uscire (per Grazia di Dio) dal girone infernale nel quale erano precipitate.

3. Un aborto chimico.   Perché lo volle fare?  A poco più di vent’anni si trovava per la seconda volta con una gravidanza “non voluta ed accolta di pessima grazia”.  Durava da otto settimane.  Il padre era suo marito, dal quale stava però divorziando.  Lo considerava un cattivo padre, per come si era comportato con i figli di un precedente matrimonio. “Tutto ciò bastò a convincermi che semplicemente non avrei potuto, non avrei voluto portare il figlio di quest’uomo”(p.21; pp. 21-29 per tutto il paragrafo).
All’epoca era solo “volontaria”nella clinica di Planned Parenthood (vi lavorava a tempo definito, non pieno) e aveva già avuto un aborto chirurgico.  Era abortista convinta e, inutile dirlo, femminista non meno convinta.  La novità dell’aborto chimico o farmaceutico (medication abortion) l’incuriosiva, e l’ambiente di lavoro l’aiutava in questa sua scelta.  Un aborto fatto a casa:  una procedura semplice, “non invasiva”, privata, che non avrebbe compromesso “la sua dignità”, come nel caso dell’aborto chirurgico in ospedale.  Le dissero:  “avrai intense emorragie e crampi temporanei, ma non dovrebbero durare troppo a lungo, in un paio di giorni dovresti essere a posto”.  La pillola e connessi da prendere le costò $ 400.  Johnson si sentiva relativamente tranquilla; si mise a letto, accese la TV, cercando di rilassarsi.
All’improvviso comparvero dolori addominali terrificanti seguiti subito da un’emorragia mai vista, inarrestabile. Poco dopo cominciarono nausea e vomito.  La poveretta era costretta a star continuamente seduta sulla toilette della sua stanza da bagno. Cominciò a sudare di un sudore insolito, prodotto dal dolore intenso e insopportabile. Dopo alcune ore passate in quel modo, debolissima, incrostata di sudore e sangue, Abby tentò di fare un bagno, nella speranza che l’acqua calda per lo meno le attenuasse i crampi.  Riuscita faticosamente nell’intento, cominciò a sentire un leggero miglioramento, nell’acqua calda, nella forma di un benefico stordimento.  Pregò Dio, che la prova fosse prossima alla fine.
 Cominciava invece la fase peggiore.  Nuovi fortissimi crampi e l’acqua della vasca si mutò quasi di colpo in sangue.  Non ci poteva credere, scrive, non lo poteva nemmeno guardare.  Riuscì ad alzarsi, in lacrime, appoggiandosi al muro dove era inserita la doccia.
“A questo punto sentii qualcosa che si liberava da dentro il mio corpo, e sentii un tonfo nell’acqua piena di sangue che stava scorrendo via dallo scarico della vasca da bagno.  Mi raddrizzai e piegai per capire che cosa mai fosse uscito da me.  Era un grumo di sangue grande quanto un limone.  Non ci potevo credere.  Era questo il mio bambino?  Non potevo nemmeno guardarlo, volevo solo liberarmene.  Così grosso non poteva passare per lo scarico della vasca.  Con entrambe le mani l’acchiappai e lo gettai nella toilette.  Nel frattempo, la gran parte della poltiglia formatasi nella vasca era andata via per lo scarico e potei stare in piedi nella doccia per alcuni minuti. I crampi sembravano meno intensi”.
Ma il calvario ricominciò e dovette rimettersi sulla toilette.  I grumi di sangue espulsi, della dimensione circa di un limone, furono ben più di uno.  Come Dio volle, emorragia ed espulsioni finirono, dopo diverse ore.  La notte la passò accoccolata sul pavimento del bagno, pur senza riuscire a dormire, convinta che sarebbe morta: il fresco delle mattonelle le dava comunque un senso di sollievo.    
Ma come mai non l’avevano messa in guardia, alla clinica?  O forse era stato il suo fisico a reagire in modo abnorme?  Venne poi a sapere (con suo grande scandalo)  che la sua reazione “non era stata anormale” e che le modalità di quel tipo di aborto non venivano spiegate in dettaglio alle donne, “per non spaventarle”.   Dopo quella sua personale, terrificante esperienza, Johnson consigliava sempre alle pazienti l’aborto “chirurgico”. La sua avversione a quello “chimico” era diventata leggendaria, nell’ambiente.  Agendo in questo modo, le sembrava di tutelare le abortenti.  
Tuttavia cominciavano ad insinuarsi in lei rimorso e senso di colpa.  Le doleva dover constatare che, “sebbene fosse dovuta passare per un’atroce prova di sofferenza fisica, si sentiva sollevata per il fatto di non esser più incinta”(p. 27):  era contenta, non tanto per aver superato il dolore fisico, quanto per essersi liberata del peso della maternità in formazione.  E proprio  questo  interiore sollievo le rimordeva.
Era la voce della coscienza che cominciava a farsi sentire.

4. L’oscuramento e il risveglio della coscienza.  L’Autrice cita almeno due volte una frase di Pascal:  “Il male è facile e possiede forme infinite”.   L’aborto, essa ripete più volte, “è una cosa cattiva”.  È un male, è in sé malvagio.  Non lo si può salvare da nessun punto di vista.  Come mai allora gli operatori delle cliniche abortiste l’accettano, come niente fosse?  Perché subiscono una forma di “oscuramento della coscienza”, del quale essa stessa è stata vittima per vari anni: e grazie a questa sordità, a questo “oscuramento”, il male, una volta che si cominci a commetterlo, appare come una cosa facile, che penetra in “forme infinite”.
 “La coscienza può esser definita come un’intuizione o un giudizio dell’intelletto che distingue il bene dal male.  Nella prima Lettera a Timoteo persino san Paolo nomina coloro la cui coscienza è stata “bollata” o, più alla lettera, “cauterizzata” dalla pratica del peccato continua e senza pentimento [1 Tm, 4, 2:  “..ingannati da ipocriti impostori, già bollati a fuoco nella loro coscienza..”]” (p. 33).
Pertanto, si deve ritenere che “gli operatori dell’industria dell’aborto devono aver atrofizzato la loro coscienza, per poter continuare nel loro lavoro”.  Per Johnson, tale processo negativo era cominciato “durante la mia prima conversazione con una attivista abortista che cercava volontari ad una kermesse universitaria del volontariato.  Mi ricordo perfettamente di come il mio stomaco si contraesse alla menzione della parola “aborto” e dello sconcerto che quella conversazione mi procurava.  Questo conflitto interiore derivava in parte dal fatto che sapevo nel profondo dell’animo esser l’aborto un male; in parte perché, pur consapevole di questo, avevo abortito in segreto il mio bambino.  Riuscii a soffocare, a sopprimere quella sensazione di rimorso per ben otto anni, fino a ridurla ad un inaudibile sussurro”( pp. 33-34).
C’erano, è vero, “momenti di dolorosa chiarezza interiore”, ma svanivano rapidamente.  Anch’essa si era indurita.  L’abito di indifferenza e cinismo che traspariva anche dal linguaggio in uso tra gli addetti all’industria, le battute di humour nero, le battutacce sui Pro-life scocciatori che recitavano Rosari fuori della clinica, tutto ciò anch’essa ormai lo condivideva, nonostante un certo fastidio di fondo.  Mi chiedo: questo stile così sconfortante non era il risultato inevitabile di quel tipo di lavoro?  Ogni tanto Johnson si poneva delle domande cui aveva paura di rispondere.  La coscienza, nel risvegliarsi al bene, impiega sempre un certo tempo.  E l’Autrice oggi ringrazia la divina Misericordia:  “Mi conforta enormemente il fatto che Dio mi ha fatto il dono di una coscienza rinnovata.  Il peccato senza pentimenti che avevo ostinatamente scelto per un tempo così lungo mi aveva reso insensibile agli avvertimenti della coscienza, provenienti dal Padre.  Tuttavia, il Padre celeste, nella sua misericordia, continuava a starmi dietro giorno dopo giorno e finalmente mi ha consentito di scorgere la verità”(p. 36).

5. La vocazione a difendere i diritti e la salute delle donne e la dura realtà.  Sbaglierebbe chi pensasse che ciò che spinge a lavorare nelle cliniche praticanti l’aborto sia solo il bisogno o l’avidità, dato che quell’attività rende bene.  Nel personale, almeno nella fase iniziale, v’è anche una componente idealista, convinta che l’aborto sia addirittura un diritto civile, da difendere strenuamente!  Attualmente Abby Johnson si trova ad esser contestata da gruppetti di Pro-choice quando le capita di tener conferenze o interventi pubblici, sempre per denunciare “il male dell’aborto”.
In un passato non tanto remoto, era lei a trovarsi in quei vociferanti gruppetti, a cantare slogans ritmati del tipo:  “Pro-life. Bugiardi. Non v’importa se le donne muoiono! I nostri corpi! Le nostre vite! Il nostro diritto di decidere!”; o ad inalberare cartelli con su scritto, addirittura:  “Tenete i vostri Rosari lontano dalle nostre ovaie” (p. 47).   Ora questo suo passato lo vede come da una grande distanza e le appare come minimo singolare.  Oggi, va a recitare proprio quei Rosari che disprezzava tanto!  Ma all’epoca era “intossicata” dall’atmosfera di gruppo e animata dal sincero desiderio di aiutare le donne (p. 40); convinta, come gli altri, che fosse suo dovere battersi per i diritti delle donne, in primo luogo quello di “scegliere quando e se avere un figlio”(p. 48).  Il desiderio era sincero:  aiutare le donne; difendere le donne dagli aborti clandestini, con tutti i loro rischi; dallo sfruttamento del loro corpo…
La clinica non procurava solo aborti, si occupava anche della tutela a vasto raggio della salute delle donne, dal cancro alla medicina generale, anche se l’enfasi principale era sulla c.d. “tutela della sanità riproduttiva”; termine ambiguo, perché sembra voler proteggere la maternità quando invece si applica soprattutto a ciò che la mortifica e contraddice: controllo delle nascite, pillola del giorno dopo, aborto (“abortion is a safe way to end a pregnancy”, si legge sul Portale di Planning Parenthood: l’aborto è un modo sicuro per terminare una gravidanza). Ma, nella pratica, sino a che punto veniva “tutelata”  e quindi ben “consigliata” la donna, in genere smarrita e psicologicamente stravolta, che si presentava per abortire? 
Il libro riporta il caso di una sedicenne messa in cinta di sedici settimane dal fratellastro, colti entrambi sul fatto dalla madre e consegnato il colpevole alla polizia. La ragazza, che si teneva il suo orsacchiotto di peluche anche in ospedale, sembrava ancor più giovane dei suoi anni e del tutto immatura. Ma la clinica, per rispettare il suo codice di comportamento, non poteva farla abortire oltre la quattordicesima settimana.  Il chirurgo, dismessa l’abituale scorza di asettica indifferenza, disse ai genitori che abortire sarebbe stato un vero trauma per la ragazza,  che lui avrebbe potuto procedere nella sua clinica privata ma che non lo riteneva opportuno:  la cosa migliore era farla partorire e poi dare il bambino in adozione.  Una soluzione umana oltre che eticamente appropriata (pp. 135-139).
Soluzione tuttavia non frequente. “Proteggere” le donne, nei frangenti drammatici dell’aborto, era oltremodo difficile.  Anche perché il concetto era che le donne esercitavano un loro diritto nel richiedere l’interruzione di gravidanza:  il come e il perché della cosa non interessava, erano affari loro. Del loro corpo, non reclamavano il diritto a fare quello che volevano?  Il fatto è che, scavando nelle motivazioni nell’ambito delle obbligatorie consultazioni preliminari, si sarebbe potuti anche arrivare a convincere la donna a non abortire, per il bene suo e del bambino.   In questo senso, l’Autrice lamenta la mancanza di una effettiva “difesa” delle donne:  si trattava anche di difenderle contro se stesse, per così dire, e contro le influenze negative dell’ambiente da cui provenivano.  Ma questo era troppo, evidentemente, per le possibilità e i fini dell’organizzazione.
La cosa appariva in tutta la sua evidenza quando si trattava di prostitute.  Il libro ne ricorda una, nome di fantasia Diana, un caso tristemente esemplare, si potrebbe dire.  Rimasta incinta, aveva tenuto il bambino, partorito però di nascosto in condizioni sanitarie (anche sue) pessime, pertanto malato dalla nascita, affidato alla madre di lei, che lo accudiva e che ogni tre mesi circa trascinava la figlia dalla strada alla clinica, per i periodici controlli sulle malattie veneree.  La povera Diana, minuta di fisico, presentava sempre qualche infezione e spesso mostrava i segni di battiture, ecchimosi, tagli.   Un giorno arrivò col magnaccia (pimp), un trucido gigante dalle braccia intensamente tatuate, che chiaramente la soggiogava e dominava in tutti i sensi.  Come aiutare questa donna ad emergere dal gorgo? si chiedeva Johnson.  Ma era possibile far qualcosa?  In ogni caso la feriva l’assoluta indifferenza del personale della clinica:  “Donne come Diana mi rendevano infelice.  La posizione ufficiosa della clinica sulla prostituzione era identica a quella sull’aborto.  Una donna aveva il diritto di scegliere cosa fare del suo corpo. Punto. Fine della storia.  Eravamo addestrati a pensare che prostituirsi o fare spogliarelli fosse una scelta valida per una donna, come diventare infermiera o avvocato.  Eravamo lì per trattare le loro malattie veneree, farle abortire, e lasciarle andare per la loro strada.  Non stava a noi giudicare il loro “modo di vivere””(p. 51).
Ma anche in situazioni meno difficili era praticamente impossibile “aiutare” le donne, cioè farle ragionare in modo da mostrar loro il pro e il contro della scelta, che avrebbe anche potuto essere quella di non abortire.  Lo vediamo dalla drammatica testimonianza degli orrori di un aborto tardivo (late-term abortion), in una clinica all’uopo specializzata.
Jessica, giovane e attraente donna incinta alla 28ma settimana, cioè di sette mesi, aveva rotto con il suo boy-friend e adesso voleva abortire.  Sembrava convinta di quello che faceva ma si vedeva che era via con la testa, quasi del tutto assente.  La consulente voleva scuoterla e farle capire che, a quel punto, doveva partorire e caso mai dare il bambino in adozione.  Ma si rese conto che questi erano proprio gli argomenti degli aborriti Pro-life e tenne la bocca chiusa (p. 58).  La procedura durava tre giorni: inserimento nella cervice di steli di Laminaria, un’alga marina disseccata, la quale, espandendosi lentamente, avrebbe provocato la dilatazione della cervice stessa; somministrazione della digoxina (digoxin), medicina per cardiopatici usata invece per gli aborti; l’intervento, al terzo giorno. La digoxina, iniettata per via addominale nel liquido amniotico avrebbe provocato l’arresto cardiaco del feto, al massimo in 48 ore (pp. 55-70).  
Jessica veniva da lontano, come molte pazienti “del terzo trimestre”. Dovette sistemarsi in un albergo convenzionato con la clinica, la quale le fornì una busta (a do-it-yourself kit) nel caso (raro) di parto anticipato in albergo, una volta dilatatasi la cervice.  Il secondo giorno, Jessica apparve in clinica per ulteriori inserimenti di Laminaria e per la somministrazione della letale  digoxina.  Ma il terzo giorno non si presentò.  Rintracciata, dopo convulse ricerche, dal dottore al telefono, si mise a piangere:  “Voglio andare in un reparto d’emergenza.  Voglio salvare il bambino”.  Risposta implacabile del medico:  “Ma il feto morirà tra non molto a causa della digoxina.  Questo è quello che volevi”.  “Ma il bambino si è mosso tutta la notte. È una cosa sconvolgente”.  E come andò a finire?   Prelevata quasi a forza dal medico e due infermiere in albergo e trascinata già mezza drogata in clinica dall’entrata posteriore, riempita ancora di tranquillanti poiché tentava continuamente di rotolar via dal tavolo di parto.
“Servendosi degli ultrasuoni, il medico amministrò un’altra dose di digoxina attraverso l’addome della donna.  Da dove ero piombata a sedere vedevo bene lo schermo.  Vidi il profilo perfetto del bambino.  Lo vidi scalciare  e girarsi nel tentativo di evitare l’ago.  Il suo agitarsi alla fine cessò e nella stanza regnò uno sconfortante silenzio.  Il bambino ci mise quasi trenta minuti a morire.  Poiché Jessica era addormentata, tutto lo staff medico si impegnò a premere sul suo ventre per provocare il parto. Era un maschio.  Mi ricordo di esser rimasta colpita dalla sua bellezza.  Il dottore lo acchiappò, tagliò il cordone, lo avvolse in una carta blu, lo gettò in una sacca rossa per il materiale biodegradabile, come se fosse spazzatura, e porse il tutto a un addetto. “Ho fatto tutto quello che dovevo fare per te – sibilò alla giovane anestetizzata immobile sul tavolo  -  Adesso tutto può tornare a posto, per te” (p. 65).
“Per quanto fossi all’epoca in favore del “sacro diritto” di una donna ad interrompere la gravidanza ad ogni momento della stessa, continua l’autrice della testimonianza, ciò che avevo visto fare a Jessica mi riempì d’orrore.  Cosa ci sarebbe stato di male nell’appoggiare la sua decisione di tentare di salvare il bambino?  Un problema di responsabilità in sede legale?  Forse erano spaventati delle possibili conseguenze di una dose non letale di digoxina?” (ivi). Ma la storia non era ancora finita. La consulente si recò da Jessica e cercò di consolarla in qualche modo, al risveglio.  Ma non appena la donna, riavendosi, la scorse, cominciò a tremare e a gridare.  Voleva vedere il bambino, a tutti i costi. Il dottore e le infermiere piombarono nella stanza redarguendola e imponendole di tacere.  Ma ella gridava ancora più forte, ed implorava:  “voglio solo tenerlo in braccio, vi prego”.  Il dottore gridò di no, che non si poteva e fece chiamare la polizia, andandosene.  L’atteggiamento del personale era di totale indifferenza e fastidio per il dramma della donna, nessuno fece nulla per cercare di calmarla.
“Alla fine arrivò la polizia.  Ironie della vita: i poliziotti mostrarono per Jessica molta più compassione e comprensione di coloro che per professione lavoravano in un’industria che proclamava di difendere e servire le donne.  Il pianto di Jessica si sentiva anche dopo che i poliziotti l’avevano accompagnata fuori della clinica, dal marciapiede”(p. 67).

Che l’aborto sia qualcosa di totalmente innaturale per le donne – innaturale, poiché esse sono ex natura costruite nel corpo e nella psiche per generare, per produrre la vita, per allevarla, educarla, farla fiorire unitamente ai loro mariti e non per distruggerla - è dimostrato, a mio avviso, da un’altra testimonianza, relativa ad una abortista recidiva, se così posso dire.  Angie , una trentenne slanciata, si presentò per abortire per la nona volta. “Pur avendo io stessa abortito più di una volta, racconta l’anonima pentita, nove volte mi sembrava effettivamente troppo.  Avevo grande comprensione per le donne che abortivano più di una volta.  Ma nove!  Mi sembrava che Angie dovesse dimostrare un minimo di senso di colpa, questa volta”.  Invece, niente.  Al contrario, Angie ostentava, come sempre, indifferenza totale, nessun rimorso, persino qualche battuta di spirito (del tutto fuori posto, nella circostanza).  Impermeabile ad ogni tentativo di discorso sul controllo delle nascite, in modo da evitare di abortire. 
Ma questa volta, fu diverso.  Anche subito dopo la procedura, Angie come suo solito parlava in continuazione, mentre si riprendeva, anche se nessuno la stava a sentire.  All’improvviso afferrò la mano dell’operatrice e chiese se poteva vedere il feto abortito.  Si trattava di una richiesta rara, che si cercava ovviamente di scoraggiare.  Tuttavia se la paziente insisteva, si cercava di accontentarla.  Bisognava andare (e non era affatto piacevole) al  POC lab , Products of Conception Laboratory, individuare il suo feto di tredici settimane, metterlo in un apposito piatto (dish). 
“Non sapevo come mettere insieme le parti. Era meglio pressarle in una specie di grumo in modo che nessuna fosse riconoscibile o invece rimetterle tutte a posto, come facciamo normalmente, per esser sicuri che non ne manchi nessuna?  Non c’era una regola fissa, optai per la ricostruzione accurata del feto. Sebbene io fossi ancora del tutto cieca sulla vera natura dell’aborto, poiché Angie sembrava così fuori della realtà, una parte di me voleva che si rendesse conto; voleva che lei capisse che cosa aveva fatto per nove volte.  Mai mi sarei immaginata la sua reazione. 
 Era distesa in una delle poltrone reclinabili della stanza di recupero [per il dopo aborto].  Si chinò in avanti mentre mi avvicinavo con il piatto contenente il corpo mutilato del suo bambino. Sorrideva e sembrava genuinamente incuriosita.  Bruscamente, posi il piatto sul tavolinetto accanto alla poltrona: - Eccolo qua, dissi.  C’erano altre pazienti nella stanza. – Grazie, disse Angie, guardando nel piatto. Ma di colpo cominciò a tremare mentre le veniva la pelle d’oca.  Allorché sporse la mano per toccare il feto, cercai di toglier via il piatto ma lei mi afferrò il polso, bloccandomi. Nessuna profferiva verbo. Feci un passo indietro e Angie cadde in avanti sulle ginocchia, sempre abbarbicata al mio polso. Le altre pazienti nella stanza cominciarono ad agitarsi. – Adesso  lo porto via, Angie. Lascia la presa, dolcezza. Tu stai a posto.   Ma Angie era come pietrificata sul pavimento della clinica. – Questo è un bambino, disse, in un sussurro. – Questo era il mio bambino.  Seguì un torrente di parole, mentre continuava a ripetere, in mezzo ai singhiozzi: - Cosa ho fatto? Cosa ho fatto? Alcune delle donne presenti nella stanza cominciarono a singhiozzare anch’esse, persino coprendosi la faccia”(pp. 74-75).
 Nonostante l’accorrere di assistenti, infermiere, Angie non si calmava, era ormai in preda ad una crisi irrefrenabile.  Non si riusciva a farla alzare da terra, si dovette trascinarla giù per le scale, in un bagno.  Chiusa dentro, continuava a piangere e a gridare.  Ad un certo punto cominciò ad implorare che le lasciassero “portar via il suo bambino”.  Le dissero di no, che non era possibile, ma lei replicava: “Lo metterò nel freezer”.
“A questo punto, osserva l’abortista pentita, mi colpì la bizzarria della situazione. Ero seduta sul pavimento di un bagno di Planned Parenthood accanto a una donna che aveva appena abortito felicemente per la nona volta, cercando di convincerla che non era necessario che si portasse il feto morto a casa, per metterlo nel freezer!”(p. 76). 
Alla fine, dovettero chiamare il suo boyfriend del momento, che riuscì a tirarla fuori dopo quarantacinque minuti circa di discussione.  Piangevano tutti e due.  Angie non fu più vista, alla clinica.
Dopo quest’episodio “si stabilì di respingere ogni richiesta di vedere i bambini abortiti.  Si negò anche la possibilità di vedere le immagini create con gli ultrasuoni.  Era ovvio che se molte donne si fossero rese effettivamente conto di che cos’è l’aborto, come nel caso di Angie, si sarebbero rifiutate di farlo.  Un fatto positivo è che in America si stanno approvando molte proposte di legge [nei singoli Stati], che autorizzano le donne a vedere l’immagine dei loro bambini non ancora nati. Queste immagini prodotte dagli ultrasuoni dimostrano la menzogna diffusa dall’industria dell’aborto.  Infatti, mostrano che non stiamo parlando di semplici tessuti.  Non si tratta di masse di tessuto.  Qui ci sono esseri umani, con il cuore che batte, organi interni, dita delle mani e dei piedi.  Non si tratta nemmeno di prender coscienza degli orrori espliciti dell’aborto. Si tratta dell’umanità del bambino non ancora nato.  Per accettare l’aborto, dobbiamo togliere al non ancora nato la sua umanità”(p. 77).
È talmente vero che sono già esseri umani, che due dei quattro gemelli di circa tredici settimane abortiti (su pesante e quasi criminale pressione del partner della donna) e in modo particolarmente drammatico, furono trovati strettamenti abbracciati:  “..i due  neonati senza vita perfettamente formati, si tenevano abbracciati stretti l’un l’altro”(p. 133).
Per accettare la filosofia abortista, bisogna negare i fatti ossia fingere – osservo -  che feti già perfettamente formati come bambini non siano vita umana, fingere contro l’esperienza visiva stessa.  La scienza rettamente usata ci conferma che la vita comincia dal concepimento, dall’incontro del seme con l’ovulo.  E questo ha sempre giustamente insegnato la Chiesa cattolica, in accordo, del resto, con la ragione naturale.  Se a tre settimane di vita il feto già si mostra con assoluta chiarezza bambino in pieno sviluppo, ciò significa che quella vita giunta alla terza settimana non era meno presente, meno vita alla prima settimana o ai primi istanti del primo giorno della prima settimana, quando il processo, per l’appunto vitale, era all’inizio del suo sviluppo.  Ciò che era racchiuso in potenza – la vita di un altro essere umano – nel seme e nell’ovulo (nel maschio e nella femmina in se stessi considerati, come individui separati) viene ad essere in atto, ad esistere dal momento del concepimento vale a dire non appena comincia ad elaborarsi, a formarsi e crescere nelle sue prime ed embrionali strutture, in accordo con le leggi della natura.  Nell’embrione c’è già l’individuo, non più in potenza ma come formazione in atto, concreto processo vitale secondo una forma prestabilita dalla natura ossia da Colui che l’ha creata.
       
6. Un luogo tenebroso, immerso nel sangue: il Laboratorio dei Prodotti della Concezione
Per molte tra le donne che hanno lasciato, pentite, l’industria dell’aborto, il POC Lab è stato il luogo dell’abbrutimento e dell’incubo, del Male che si tocca con mano e ti sovrasta,  finché per divina Misericordia non sei riuscita a fuggire da quell’antro, da quella clinica, da quel Regno della Morte. 
“Il Laboratorio dei Prodotti della Concezione – ossia dei neonati [babies] come preferisco chiamarli adesso – è un luogo orrendo, impastato di sangue in un modo che non si può descrivere.  Ora ne sono ben consapevole. E ne sono consapevoli i capoccia dell’industria dell’aborto.  Quando si commettono atrocità, i responsabili devono coprire i loro atti malvagi e farvi per gradi partecipare i loro inconsapevoli complici, con il convincerli che in qualche modo il male è bene – che, per quanto un atto sia sgradevole, il fine giustifica i mezzi. 
Non c’è a mio avviso esempio migliore di questo, delle centinaia di cliniche per aborti disseminate negli Stati Uniti, ognuna di esse con il suo POC lab, dove gli addetti chiaccherano del  più e del meno mentre riuniscono le membra lacerate di bambini morti, come in un macabro puzzle” (p. 116).
La prassi di molte cliniche è quella di portare per gradi i loro nuovi impiegati a conoscere la realtà sanguinolenta dell’aborto. All’inizio gli fanno fare innocqui lavori d’ufficio, poi lentamente li passano nel POC Lab.  Ma nella clinica dove era stata assunta l’autrice di questa testimonianza, si procedeva all’opposto, con il mandare abbastanza presto i nuovi impiegati nel laboratorio. A lei toccò alcuni mesi dopo esser stata assunta.  La sua “capa” stava “assemblando i feti” e voleva cominciare ad addestrarla.
“ – L’essenziale è esser sicuri che non manchi nessuna parte, disse.  Mi avvicinai con gli occhi fissi sul piatto di vetro che le stava davanti. Conteneva i resti di un neonato di dodici settimane…”(p. 117).  L’abortista pentita è di un’onestà impressionante: rivela che non fu né scioccata né terrorizzata ma piuttosto intrigata dalla faccenda, anche se le sembrava di essere come in trance.  Allora, pensò, non era vero che le immagini orribili di feti abortiti inalberate davanti alla clinica dai Pro-life erano tutta una falsificazione, come ci era stato detto, perché “un aborto del primo trimestre non assomigliava ad altro che a un grumo di sangue” (ivi).  Ma questi pensieri al momento non influivano.  E oggi si chiede se questa mancata presa di coscienza, questa voluta cecità di allora, non dipendesse dal fatto che, oltre a lavorare nell’industria dell’aborto, lei stessa  aveva avuto diversi aborti (p. 118).  La sua “capa” l’elogiò per l’eccezionale sangue freddo dimostrato e lei si sentì molto orgogliosa, anche se oggi si rende conto che il suo proprio ego “era in quel momento fuori controllo”.
L’effetto che l’attività in quel macabro luogo poteva fare su chi non era mentalmente preparato, lo racconta la medesima fonte. Per una riduzione temporanea di personale, chiesero un giorno aiuto all’esterno e si offerse una donna che lavorava da cinque anni negli uffici, come “consulente della pianificazione familiare”. Non aveva idea di cosa l’aspettasse.  Le fu chiesto di “mettere insieme i resti di un bambino di 16 settimane, ma non resistette più di pochi secondi:  letteralmente fuggì e nessuno l’ha più rivista.  “Mi resterà sempre impressa nella mente la nota di panico nella sua voce mentre strillava, correndo verso l’uscita:  - È ancora vivo!  Alzai gli occhi al cielo, seccatissima della sua debolezza ed entrai nel laboratorio per mettere ordine nel caos che aveva lasciato.  La maggior parte dei bambini arriva smembrata.  Ma a volte, arrivano quasi interi.  In quest’ultimo, la testa, il torso e le braccia erano ancora intatte.  La gambe invece non c’erano più.  C’era del movimento, ma durò un attimo.  Presi nota delle parti, feci la stima del suo periodo di gestazione sulla base di un grafico, e passai al successivo”(pp. 119-120).
Perché non ruppe allora con quel lavoro infame?  E perché non se ne era andata già da qualche anno?  Non sa rispondere, se non così:  “I tempi e i modi di Dio sono misteriosi”.  Però alla fine si tirò fuori, in quale occasione non sappiamo. La testimonianza di questa donna ci fa riflettere, fors’anche più di altre, sull’esistenza del Male, che tutti ci affligge ma nel quale si trova ad un certo punto completamente immerso chi lavora in quell’orrenda industria.  “I lavoratori delle cliniche abortiste  hanno fatto l’esperienza del male in modo estremamente tangibile.  L’abbiamo visto, il male, nelle bacinelle di vetro contenenti  membra di bambini abortiti.  Abbiamo toccato il male quando le rimettevamo insieme.  E abbiamo persino sentito l’odore del male.  L’aborto ha un odore molto specifico, un odore che non riuscirai mai a dimenticare, non importa da quanto tempo tu abbia lasciato quel lavoro. Quel male diventa parte di te stesso, ti ottunde sino alla brutalità…”(pp. 120-1).
Per questo, ci incita giustamente Abby Johnson, dobbiamo pregare  per le anime di tutti gli sventurati che lavorano nelle cliniche abortiste, affinché il Signore illumini con la luce della sua Grazia anche i loro cuori induriti nel male.  Pregare, senza lasciarsi vincere dallo sdegno, pur legittimo, e assumere atteggiamenti sprezzanti  o minacciosi nei confronti delle singole persone (cosa che non ci compete ed è controproducente).  Pregare, affinché si convertano, cambino vita, facciano mancare a quella diabolica industria la sua “manodopera”.
È vero, che non si vorrebbero illustrare gli orribili fatti qui elencati?  E limitarsi ad una presentazione di questo libro che si mantenga sulle generali?  È vero, e non ci sarebbe niente di male.  Ma sarebbe un cattivo servizio alla verità e alla salvezza delle anime, rendendone, al contrario, uno buono all’ipocrisia dominante, quella del politicamente corretto, il quale, con la scusa di non voler offendere la sensibilità delle anime belle, vuol impedire – anche con leggi inique – che la generalità del pubblico conosca l’effettiva realtà dell’aborto, quello che succede dentro le cliniche che lo dispensano.         
Se è di fondamentale importanza che soprattutto le donne la conoscano, non meno importante è che la conoscano anche gli uomini, spesso complici degli aborti, quando non istigatori, e quindi non meno colpevoli delle donne.
Non bisogna, dunque, tacere, anche se il dover riassumere ed esporre situazioni drammatiche così atroci comporta (devo dire) un notevolissimo sforzo di volontà sul proprio sistema nervoso.
Più di una testimonianza delle ex-operatrici salvatesi conferma la natura repellente e mostruosa del POC lab, un’esperienza che per alcune è stata determinante nel dar loro la forza di andarsene.  Una di loro scrive: “Negli ultimi pochi mesi della mia permanenza nella clinica, passai un discreto tempo nel POC lab. Lo odiavo.  Era come se la clinica aspirasse la vita non solo dai ventri delle nostre pazienti  ma anche dai suoi impiegati.  Quando mi trovavo in quel laboratorio, mi sembrava di sentire la macchina aspirante [impiegata negli aborti – suction machine] come se fosse intenta ad inghiottirsi la mia vita.
Per i dottori quel laboratorio sembrava una sorta di rifugio.  Erano capaci di fischiettare o chiaccherare mentre svuotavano vasi di vetro pieni di resti in un crivello sciacquandone via il sangue, per cercare le parti dei corpi da rimettere insieme.  Mi sentivo venire la nausea quando capitava che un abortista cominciasse a parlare al bambino che aveva smembrato appena qualche minuto prima.    “Okay, piccoletto - poteva canticchiare, con lo stesso tono di un neo padre che intonasse una ninna-nanna – Dov’è l’altra gamba? Okay. E adesso, quel braccio?” .  Questo è un malato. Devo andarmene da qui, mi dicevo…”(p. 97; corsivo nel testo).

7.  L’arma della Preghiera per combattere con efficacia il flagello dell’aborto.  Dobbiamo forse odiare i medici abortisti di cui alla sconvolgente testimonianza appena citata?  No.  Dobbiamo pregare anche per loro, anzi soprattutto per loro. E anche per i padroni delle cliniche.  Circa l’insensibilità dei medici:  è vero che esiste anche quando si muovono giornalmente tra normali reperti di laboratorio e operazioni chirurghiche, inevitabilmente “sanguinolente” (pensiamo, per esempio, a quelle a cuore aperto, come si suol dire).  E non può non rendersi impermeabile, il medico o chirurgo, al ricorrente o continuo apparire del sangue in ciò che fa.  Ma questa è la differenza: l’attività medica normale è per sanare e guarire, per conservare la vita, nei limiti del possibile: è volta al bene; mentre quella anormale dell’aborto è solo per la morte:  ammazza e distrugge, nient’altro fa, accanendosi contro la vita innocente in gestazione e segnando in modo imperituro la madre.  È un’attività volta al male, comunque la si voglia considerare, al male sia  in senso fisico che morale.  L’inevitabile scorza di indifferenza creata dall’abitudine professionale non si può accettare qui: deve esser rimossa, deve cadere  il velo dell’abitudine che soffoca le domande poste dalla coscienza.
Ma come procedere, in questa che è una difficile opera di conversione, che richiede, come non mai, uno spirito di carità veramente sovrannaturale?

A questo proposito, le considerazioni finali di Abby Johnson mi sembrano assai istruttive ed utili (pp. 142-155).  Essa pone in particolare l’accento sull’importanza della preghiera pubblica, quale strumento privilegiato di lotta contro l’aborto, dopo aver di nuovo criticato in modo assai puntuale l’atteggiamento dei Pro-life oltranzisti, forse negli Stati Uniti più presenti che altrove, la cui azione essa considera giustamente del tutto controproducente.
Quand’era “direttrice di clinica” con Planned Parenthood è stata da loro perseguitata. Minacce di attentati, di attacchi fisici.  L’FBI addestrava lei e tutto il personale su come comportarsi in caso di attentati dinamitardi a loro danno e in situazioni simili mentre la National Abortion Federation (c’è anche questo!) mandava ogni settimana circolari intitolate “Punti caldi”, contenente informazioni su pericoli vari e sull’attività dei contestatori fuori delle cliniche.   Alcune di queste informazioni erano fondate, altre no (pp. 143-4).
Ma “le minacce, sia vere che immaginarie, servivano unicamente a rafforzare il nostro impegno per la causa.  Un ben noto abortista assassinato da un Pro-life mentre attendeva ad un servizio nella sua chiesa diventò per noi una specie di santo”.  Nemmeno sei minacce di morte la distolsero da quella che sembrava diventare sempre più una sorta di missione.  Una minaccia le giunse a casa, nominando marito e figlia; un’altra proclamava che per sua figlia sarebbe stato meglio esser orfana che avere una madre come lei.   Johnson “era terrorizzata” ma ad un certo momento raccolse mentalmente la sfida e cominciò ad incaponirsi nel suo atteggiamento pro-choice.
“Se c’è una cosa che vorrei far capire allo schieramento pro-life sulla psicologia di coloro che si battono con accanimento per l’aborto, è questa:  sentivamo l’aborto come un problema di diritti civili.  Eravamo convinti di combattere contro un movimento che voleva strappare alle donne i loro diritti – una battaglia simile a quella combattuta per dare alle donne il diritto al voto o per abolire la segregazione.  Eravamo disposti a sacrificarci al massimo, ad un livello che sfortunatamente non ho riscontrato nel movimento pro-life”(pp. 144-5).
Sono osservazioni lucide e precise, di chi ha vissuto tutte queste cose in prima persona e si è assunto coraggiosamente la responsabilità delle proprie azioni, senza nulla nascondere.  Critiche fatte per migliorare il movimento pro-life e renderlo più forte.  Dovrebbero far riflettere.
Ugualmente critica, l’Autrice, nei confronti di un’altra tattica usata dai Pro-life oltranzisti: cercare di svergognare gli operatori delle cliniche abortiste nel quartiere dove  vivevano.
“Uno dei protestatari arrivò al punto di stampare delle cartoline con la  targa della mia macchina mandandole a tutto il vicinato, per mettermi alla gogna come abortista. Mi paragonava ad un molestatore di bambini.  Ma, ancora una volta, questo metodo si rivelò un boomerang:  studentesse e madri singole della zona depressa del quartiere nel quale vivevamo cominciarono a venirmi a trovare chiedendomi di ottener loro gratis procedure di controllo delle nascite”( p. 145).
La “retorica” della controparte li faceva sentire per contrappasso come “guerrieri di una specie di guerra santa femminista”.  Certo, continua Johnson, “adesso che mi è caduta la benda dagli occhi, mi rendo conto del male nel quale ero coinvolta e capisco gli argomenti della controparte”.  Però il problema del pesantissimo linguaggio usato da molti  Pro-life americani rimane.  “Gentilezza, perdono, spirito di carità immersi nella preghiera possono penetrare persino nei cuori più induriti.  Un linguaggio offensivo, al pari delle altre inutili strategie, non approda a nulla e non fa che approfondire il solco”(p. 146).
Sia i lavoratori delle cliniche che le donne loro pazienti consideravano tutti questi  fanatici degli stravaganti completamente folli (crazy freaks).  Ce n’erano che passeggiavano davanti alle cliniche vestiti come la Morte (letteralmente: il Tetro Mietitore, the Grim Reaper).  “Ma forse che una minorenne, incinta all’insaputa dei genitori (spesso di mentalità conservatrice) e già terrorizzata di suo,  si sarebbe rivolta per trovare conforto al tizio vestito come la Morte o a fanatici che all’esterno della clinica sparavano raffiche di versetti della Bibbia, senza mai offrire un minimo di aiuto?  No, di certo.  Quante volte, il comportamento insensato di questi ipocriti ce le gettava in braccio, queste ragazze.  Contribuiva a far nascere uno spirito di corpo all’interno della clinica  e rendeva molto più facile il nostro lavoro, che in definitiva altro non era che vendere aborti”(p. 146).
Ma non solo ai fanatici, un po’ a tutti i combattenti “per la vita” sfugge un punto essenziale della mentalità degli abortisti convinti, che a tutt’oggi non sembrano esser pochi di numero:  “Questi lavoratori delle cliniche abortiste – dal proprietario all’ostetrico abortista alle infermiere alle segretarie – hanno creduto alla  menzogna  spirituale secondo la quale l’aborto è la cosa giusta da fare.  Sono convinti di questo nel profondo dei loro cuori, così come lo ero io.  E sono disposti a rischiare le loro vite e le loro reputazioni per ciò che considerano il diritto civile dell’aborto a richiesta. E vorrebbero estenderlo ancor di più, questo diritto; e sono disposti ad impegnarsi ancor di più”(pp. 146-7). 
Ma come si concilia quest’idealismo con lo spirito mercantile che indubbiamente si manifesta fortemente in quest’industria, pi­ù volte criticato dalla stessa Johnson  e da altre testimonianze (vedi, p.e. pp. 56-7; 107-114)?  A ben vedere, le due cose non sono incompatibili e comunque non devono necessariamente albergare in una stessa persona.  Voglio dire, che deve sicuramente esserci nell’ambiente un mix di idealisti e speculatori, nel senso di persone che lavorano nella lucrativa industria soprattutto per amore del denaro.
Su quest’idea palesemente assurda che l’aborto on demand debba ritenersi un “diritto civile”, pesano anche, mi sembra, componenti emotive, in particolare la visione che potremmo definire sentimentale o retorica, perché corrispondente solo in parte al vero, della donna povera e senza mezzi rimasta in cinta, sola e abbandonata, vittima sacrificale degli aborti clandestini.  Le minorenni, diciottenni e variegate maggiorenni single nient’affatto povere che oggi restano in cinta a causa dei loro liberi costumi, nonostante l’uso diffuso degli anticoncezionali (“sesso, droga, rock ‘n roll” nei fine settimana, come i loro coetanei maschi - uguaglianza è bello); o la donna che, d’accordo con il partner,  abortisce con assoluta freddezza una coppia di gemelli di sedici settimane perfettamente sana, perché venendo al mondo avrebbe alterato il suo alto tenore di vita (p. 104); o le donne che abortiscono un feto a dire dei medici afflitto da malformazioni o malattie; tutte costoro non appartengono certamente alla categoria della donna “vittima”, che cioè si ritiene debba abortire per non venir sacrificata all’egoismo maschile o al bisogno.
In ogni caso, speculando sui sentimenti, l’industria dell’aborto continua a giovarsi di un modo di sentire diffuso, raccogliendo sempre fondi cospicui, su base pubblica e volontaria, per costruire sempre più cliniche (p. 147).  Questo è un fenomeno sconcertante, che i Pro-life non sanno spiegarsi, anche perché sfuggono loro le componenti profonde dell’ideologia abortista, spesso rappresentate da persone assolutamente normali, con famiglie normali (ivi).           

 Il giusto modo di combattere per la vita e per l’abolizione del “diritto all’aborto” è quello di chi affronta la lotta evitando ingiurie ed anatemi, mostrando invece l’intenzione di chi “vuole aiutare, offrendo molteplici alternative, sì da rendere l’aborto impensabile. Di chi offre soluzioni invece di slogans, preghiere invece di proteste, sacrifici personali invece di ipocrisia. Ciò che serve è un simile metodo, pacifico e fondato sulla preghiera”(p. 148).  Sembrerebbe poco, per chi ignora la forza della preghiera rivolta al vero Dio, Uno e Trino, con la mediazione della Santissima Vergine.  Ci vorrebbero anche, continua l’Autrice, “esperti molto ben preparati, capaci di parlare con le donne sul marciapiede [bordeggiante le cliniche] in modo da aiutarle a trovare una [diversa] soluzione alla loro particolare situazione.  Ricordatevi: dentro le cliniche, non offrono opzioni o soluzioni.  Offrono solo aborti.  Se vogliamo salvare il bambino, dobbiamo entrare in contatto con le donne in crisi da gravidanza e procurar loro un aiuto concreto, in modo che non considerino più l’aborto l’unica possibilità rimasta” (ivi).  Aiuto concreto, si intende, spirituale e possibilmente anche materiale, se necessario.
Ma certamente, solo un piccolo numero sarà all’altezza di un compito così delicato.  Non importa, continua Johnson:  ciò che conta è esser presenti fuori della clinica, mostrarsi e pregare, ogni giorno, con qualsiasi tempo.  Chi non ha la capacità di dir qualcosa alle donne in crisi può comunque pregare per loro, pubblicamente.
“Le preghiere delle persone all’esterno della clinica [dove lavorava] hanno contribuito in modo decisivo al mio abbandono dell’industria dell’aborto” (ivi).  Johson è convinta di questo.  Era già ampiamente in crisi, per tutti gli orrori che aveva dovuto vedere (vedi supra).  E tuttavia, è sicura che senza quelle preghiere quotidiane non avrebbe trovato la forza di lasciare un lavoro così ben remunerato.  Bisogna, dunque, organizzarsi e andare a pregare in modo costante davanti alle cliniche del Male.
“Alcuni sono intimoriti dal pensiero di esser considerati bigotti o mentecatti.  Non importa ciò che la gente pensa di voi.  Altri temono di dire la cosa sbagliata alle donne.  Se non siete preparati, non dite nulla.  Limitatevi a star lì a pregare.  La vostra presenza si farà valere.  Un elemento di dubbio si insinuerà nella mente delle donne che entrano nella clinica.  Non ho mai visto gente che protesta con cartelli o pregando davanti al mio dentista. Perché?  Perché non c’è nulla di moralmente riprovevole nel curare una carie.  La vostra presenza fisica all’esterno di quelle cliniche rammenta alla gente che lì dentro accadono cose estremamente riprovevoli.  Per illustrare il vostro punto di vista non avete bisogno di indossare camici macchiati di sangue finto o far ciondolare membra di bambole di plastica nelle vostre macchine.  Il vostro impegno a restar lì nonostante l’incomodo e la fatica, parlerà da solo.  L’industria dell’aborto è un gigante imbottito di quattrini, che gode di un sostengo immenso nella collettività.  E tuttavia, ci teme.  Perché?  L’ultima conferenza cui partecipai [prima di andarsene] organizzò un gruppo di lavoro sul modo di comportarsi con i contestatori.  Il relatore disse che quando essi compaiono all’esterno della clinica, il tasso di assenza delle donne raggiunge quasi il 75%.  Ciò significa che tre quarti delle donne intenzionate ad abortire semplicemente non si faranno vedere, se ci sarà la vostra presenza orante sul marciapiede antistante”(pp. 149-150).
Per far finire gli aborti, secondo Johnson, questo è il metodo migliore.
Utopia?  Dilettantismo? Velleitarismo?  Non credo.  L’influenza benefica delle preghiere dei Pro-life e dell’approccio gentile (anche se fermo) di alcuni di loro su alcune delle donne che hanno poi trovato la forza di lasciare l’industria, risulta dalle testimonianze del libro (p.e., pp. 124-5).  Ma non si tratta solo di pregare.  Sappiamo noi cattolici, che, accanto alla fede, il Signore ci chiede anche le opere che testimonino di quella fede.  Così Johnson ha messo in piedi la sua organizzazione (vedi supra, nota n. 1), per soccorrere le ex-impiegate delle cliniche, anche aiutandole a trovare un nuovo lavoro (vedi le testimonianze, a p. 114; p. 134).
Nelle ultimissime pagine del libro (Final Thoughts from Abby, pp. 151-155) l’Autrice ci offre delle spirituali considerazioni, impressionanti per la loro sincerità, che mostrano la sua grande fede nella divina Misericordia, nella necessità del pentimento e della conversione, nel valore del perdono per il peccatore pentito. Ribadendo, nello stesso tempo, la sua giusta condanna dei metodi oltranzisti di una parte dei Pro-life, parte che (azzardo) non è probabilmente d’accordo con il metodo proposto da Johnson e forse lo critica.
“Da quando sono diventata pro-life ho sentito tanto di quel vetriolo uscire dalle bocche dei ‘Cristiani per la vita’”.  Da non credere. Sì, continua Johnson, ho tradito migliaia di donne convincendole a sopprimere i loro bambini; non tenevo in mano io la sonda aspirante che le fa abortire ma ero complice in questi delitti; ho mentito a tutte queste donne non dando loro informazioni corrette, sono stata tra le peggiori peccatrici, quelle che aiutano a togliere e distruggere la vita…Ho soppresso due volte la vita dei miei bambini perché la consideravo un impaccio per me, sono io la sola responsabile della loro morte.   Ma certe frasi tipiche dei Pro-life, quali ”Assassini e loro simili non dovrebbero respirare la mia stessa aria” o “Spero che tu bruci all’Inferno”,  sono frasi che sembrano fatte apposta per bloccare ogni tentativo di conversione.  Si applicavano a me, certamente, e tuttavia “sono ancora qui, in questo mondo, respirando la stessa aria e cercando di dedicare la mia vita a riparare al male che ho fatto”.  E se non si fosse ancora pentita, sottolinea, se le fosse occorso più tempo per capire finalmente la verità, avrebbe per questo meritato la morte e la dannazione eterna?
“Dobbiamo forse credere che il pentimento dipende dalla nostra scelta del tempo? No, di sicuro.  Dipende da Dio e dalla sua scelta del momento nel tempo, che è sempre perfetta”.  È Cristo che mi ha cambiato, ribadisce accoratamente Johnson, grazie anche alle parole misericordiose e compassionevoli di Pro-life che ragionavano in modo diverso da quelli che non sanno far altro che lanciare anatemi.  Quando ella abbandonò Planned Parenthood e i suoi favolosi stipendi, fu accolta amorevolmente da loro, con vero spirito di carità cristiana:  “sapevano che ero a pezzi e mi amarono così com’ero”.  Quando un giornalista intervistò una di loro, chiedendo:  “Allora, com’era Abby prima di diventare pro-life?  Voglio dire, quanto cattiva era [con voi]?”, ottenne questa risposta veramente cristiana:  “Non ricordo com’era. Ora è rinata in Cristo.  Non parlerò del suo passato, piuttosto del suo futuro” (pp. 152-3).
Nei Pensieri finali dell’autrice vengono riaffermati con forza e passione i due temi di fondo del libro, accanto a quello di far conoscere cosa accade veramente nelle cliniche abortiste.  Il primo è che, per combattere con efficacia l’aborto, bisogna pensare a convertire, nel modo giusto, anche il personale delle cliniche, risvegliare in esso la voce della coscienza, e smetterla una buona volta di considerarlo un coacervo di anime dannate che meritano solo di andare all’Inferno il più presto possibile.  Il secondo, che tale conversione passa sempre per il ritorno a Cristo, in sostanza per la conversione al cristianesimo.
Accanto all’azione sociale e religiosa capillare intelligentemente proposta da Abby Johnson, va naturalmente presa in considerazione anche l’azione che possiamo chiamare politico-culturale.  Su quest’ultima spenderò qualche parola, sempre nei limiti di una recensione.



8. La battaglia politico-culturale per sconfiggere l’aborto:  spunti e punti fermi.  La battaglia che bisogna continuare a sostenere contro l’aborto e la mentalità abortista è decisiva per la sopravvivenza della nostra civiltà nonché per la semplice sopravvivenza fisica dei nostri popoli, sempre più decimati dall’uso dei contracettivi  e dal gran numero di aborti.  L’aborto è la causa più evidente della denatalità che sta affossando le nostre società, quella italiana inclusa, come ben sappiamo.  Non ne è però l’unica.  Esso rappresenta il momento più drammatico di un modo di vivere radicalmente edonistico, senza Dio, senza religione, fatalmente improntato al controllo delle nascite su scala globale.  Nell’ultimo anno in Italia, riferiscono le cronache, il numero degli aborti è diminuito.  Un’improvvisa fiammata di virtù?  Non sembra.  Infatti, il numero dei neonati continua a decrescere.  I conti, allora, non tornano.  O meglio, tornano in questo senso:  deve esser aumentato nel frattempo l’uso degli anticoncezionali, delle pillole del giorno dopo e roba del genere.  Tutte queste infauste “pillole” sono, a ben vedere, una forma indiretta o preventiva di aborto, dal momento che concorrono allo stesso effetto.  Se non è zuppa, è pan bagnato.
Il flagello calerebbe di colpo se i Governi rimettessero l’aborto fuori legge, considerandolo di nuovo reato.  Non sparirebbe, ma si ridimensionerebbe di sicuro.  Ma nessun governo osa farlo, nemmeno quello russo, che, al contrario di quelli euro-americani, pur si sta impegnando a fondo da anni a limitare il fenomeno, spaventato dal basso tasso di crescita della popolazione.  E nemmeno quello polacco attuale, cattolico conservatore, che sta facendo una politica di vero aiuto  alle famiglie, per sconfiggere la grave denatalità che affligge anche quel Paese.  Per la verità in Polonia l’accesso all’aborto è stato reso molto più difficile ma il tentativo dell’ottobre 2016 di arrivare ad una sua sostanziale abolizione è fallito a causa delle proteste organizzate dalle sinistre, con molte donne in piazza, cosa che ha indotto il governo a un ripensamento. 
Nessun partito di centro-destra elenca tra i suoi programmi elettorali la cancellazione dell’inaccettabile diritto ad abortire.  Quali ne sono i motivi precisi?  Mancanza di convinzione nei valori morali  basilari?  Paura di perdere il voto delle donne, che ormai (a quanto sembra) considerano a grande maggioranza l’aborto un loro diritto irrinunciabile, anche se tra di loro molte per nessun motivo lo eserciterebbero?  Irrinunciabile, perché parte essenziale della loro libertà, cui tengono più di ogni altra cosa, oggi? 
E tanto ci tengono, che la “scelta” in ordine all’aborto si dovrebbe intendere non solo come ricompresa nei “diritti civili” ma addirittura nei “diritti umani”, come vorrebbe quella sinistra istituzione che da tempo è diventata Amnesty International?  Vale a dire,  come un diritto che sarebbe addirittura fondato sulla natura umana stessa, ossia della donna in quanto donna, e non dipenderebbe dal suo esser cittadina cioè soggetto attivo di una comunità politica, condizione tutelata dai “diritti civili”.   Tesi sballatissima, quella di Amnesty International, se solo si riflette sul fatto che la natura della donna, la donna così come esiste per natura, è costruita per la generazione, per far nascere i bambini non per sopprimerli nel proprio grembo.
Nei partiti, come nei Parlamenti, c’è ormai una larga rappresentanza femminile, il cui modo di vivere è in genere ispirato ai valori (agli pseudo-valori) dominanti.  L’opinione di queste donne deve esser tenuta ovviamente in conto quando si elaborano i programmi dei partiti.  La femminilizzazione radicale delle nostre società è, allo stato, uno degli impedimenti più forti all’eliminazione per via legislativa del diritto di abortire.  Almeno, finché le donne non cambieranno modo di ragionare, non ritorneranno a privilegiare il sentimento materno, i figli, il matrimonio, la famiglia secondo natura e tradizione.  Ma chi le converte, le donne di oggi?  Un’azione di conversione come quella proposta da Abby Johnson sembra indubbiamente la più idonea, anche se è bene non coltivare illusioni, vista la potenza che in quest’epoca il Demonio sembra possedere, per punirci dei nostri molti e gravi peccati. La proposta Johnson mira a tagliare una puleggia essenziale dell’industria dell’aborto, quella rappresentata dal suo personale femminile, che poi, da quello che ho capito dal suo libro, costituisce la quasi totalità del personale stesso. Si tratterebbe di rompere un cerchio particolarmente perverso poiché, da quello che testimonia il libro, le donne impegnate nelle famose cliniche a far abortire altre donne, sembra abbiano a loro volta quasi tutte abortito e spesso nelle stesse cliniche.  È quindi, come dire, l’aborto che si autoalimenta, una cosa veramente diabolica.
Che cosa, dunque, aspettarsi da una classe dirigente, come quella europea e americana (prima delle ultime elezioni presidenziali), che, oltre ad aver legalizzato l’aborto volontario (on demand), ha introdotto il divorzio breve e la legalizzazione delle coppie di fatto, anche omosessuali?  Che sembra incoraggiare il fenomeno omosessuale, consentendogli ogni sorta di aberrazione, dai “matrimoni”  all’adozione di bambini, al “transessualismo” e correlati?  Pensiamo, infatti, all’insana e risibile pseudo-filosofia detta del Gender e alla sua introduzione addirittura nei programmi scolastici!  E che non fa nulla contro l’altro grave fenomeno rappresentato dalla diffusione della pornografia su internet?  Perché i governi occidentali non fanno come quello russo, che ha chiuso sul suo territorio, ho letto, almeno due tra i più grossi siti internazionali di pornografia?  Forse la componente femminile delle attuali classi dirigenti si opporrebbe anche a questa misura?
Stiamo pagando un enorme prezzo ad un concetto sbagliato di libertà di espressione, come se tale libertà non potesse esser sottoposta a giusti e ragionevoli limiti mediante le leggi, come se potesse esser senza limiti, al punto  da diventare libertà di corrompere, mediante il libero smercio della pornografia, dell’erotismo, del turpiloquio, della bestemmia, dell’orrore, della violenza, del sadismo, e chi più ne ha più ne metta.  Quale Paese veramente civile ammetterebbe una simile, indiscriminata “libertà di espressione”?
Il discorso sul grave male della pornografia, che non rovina solo i giovani, ci conduce ad un altro aspetto della lotta contro l’aborto:  il lavoro da fare sul contorno, sulla mentalità, sull’ambiente, in sostanza sui costumi che costituiscono il marcio semenzaio dal quale scaturiscono poi gli aborti.  Questo è un lavoro che spetta all’educazione, nel quale dovrebbero aver parte preponderante la Chiesa e la famiglia, cioè la religione e la morale individuale e privata da essa dipendente, come si dovrebbe attuare nella famiglia e in passato si attuava. Si tratta di quell’educazione capace di insegnare all’individuo le norme, morali e di costume, da osservare per un comportamento virtuoso, necessario per il bene della sua anima e le esigenze della comune convivenza. 
Ora, quando si legge che ad abortire vanno anche fitte schiere di minorenni, dai tredici-quattordici anni in su, e solo in minima parte si tratta di casi di violenza, viene spontaneo chiedersi:  ma a queste fanciulle e ragazze non è stato insegnato il valore della verginità, l’importanza della purezza dei costumi, del pudore e della modestia,  del conservarsi moralmente pulite, dal punto di vista del sesso, innanzitutto per se stesse, per la loro vera dignità di donne, e in prospettiva per la famiglia che un domani avrebbero pur il dovere di costruire, con un marito?  Se non si concedessero, non si troverebbero poi nei guai.  E perché si concedono?   È evidente che mancano di principi morali e non solo già a tredici o quattordici anni ma anche nel prosieguo.  E ne mancano, perché non vengono loro insegnati, perché non si addita loro un modello di vita virtuosa né si esige una disciplina di vita.  Anzi, tutto il contrario, già in  famiglia.  E quando la famiglia insegna loro qualcosa di buono, oggi, ci pensano poi la scuola, la televisione, l’internet, l’ambiente ad insegnar loro tutte quelle cose cattive che più attraggono.
Conclusione del discorso:  se non si ha il coraggio di intervenire direttamente sull’aborto diventato sciaguratamente diritto (l’obiettivo principale deve esser comunque sempre quello di cancellarlo, questo pseudo-diritto), almeno si abbia il coraggio di intervenire sul contorno, sui costumi corrotti dai quali nasce poi l’aborto come fenomeno di massa.
Come ho detto, lo Stato potrebbe colpire la pornografia in modo duro, se volesse, e cominciare a demolire quella che Abby Johnson chiama la “pornificazione” del nostro modo di vivere, fenomeno che implica l’accettazione di un clima sociale sempre più perverso, che reifica il corpo delle donne, rappresentandolo solo come merce sessuale, per il piacere fine a se stesso, porta aperta su tutti i vizi, e che contribuisce alla formazione di una mentalità abortista (p. 52).
 Mancando lo Stato al suo compito, perché monopolio di classi dirigenti  a loro volta favorevoli alla Rivoluzione Sessuale e pertanto abortiste convinte, femministe, omofile, insomma prone a tutti i venti della licenza dominante, e non intervenendo più nemmeno la Chiesa cattolica come una volta, con il suo nitido e chiaro insegnamento, che sembra diventato incerto (anche se non sul punto dell’aborto), ecco che spetta ai privati impegnarsi in un’opera di educazione mirante alla ricostruzione dei valori dimenticati e calpestati.  Compito improbo, com’è ovvio.  E allora, perché parlarne?  Perché qui noi abbiamo comunque il dovere di indicare ciò che si dovrebbe  fare  per uscire dalla grave crisi che ci attanaglia, a prescindere dalle possibilità di successo, al momento sicuramente minime, per le quali ci affidiamo comunque alla Provvidenza.
Si tratta di riproporre senza tentennare la necessità imperitura di certi valori, che vanno nuovamente insegnati perché così piace a Dio e così richiede la necessità del momento storico.

A proposito di questi valori, si impone anche una revisione di certi concetti giuridici che vengono assunti come valori fondamentali.  Mi riferisco a concetti come “i diritti civili” o i “diritti umani”, invocati addirittura per giustificare il diritto di abortire volontariamente.
Consideriamo quest’idea bislacca dell’aborto come “diritto” da ricomprendersi nei diritti civili.   Cosa si intende, normalmente, con “diritti civili”?  Non diritti come ad esempio la proprietà o il far testamento.  Diritti che appartengono alla sfera politica nel senso che riguardano il rapporto tra il singolo cittadino e la sfera della civitas o cosa pubblica. Partendo dal presupposto che l’esser cittadino implichi l’uguaglianza di tutti coloro che sono cittadini, non ci dovrebbero esser discriminazioni per quanto riguarda l’esercizio di diritti essenziali per una concezione democratica della vita di relazione: il diritto di voto, di poter esprimere la propria opinione a voce e per iscritto, di potersi liberamente riunire in privato e (entro certi limiti) in pubblico per scopi leciti.  Insomma:  libertà di voto, di opinione, di riunione.
I “diritti civili” sono in realtà diritti politici.  Com’è che ad un certo punto alla lista si è aggiunto l’aborto?  Come è stato possibile?
È stata l’azione nefasta del femminismo, cui si sono resi succubi i politici, anche perché spesso usciti a loro volta da matrici ideologiche affini.  Si è cominciato con gli slogans di poche esagitate che includevano i c.d. “diritti delle donne” tra i diritti civili da riconoscere.  Le donne già godevano al tempo dei diritti civili tradizionali tuttavia subivano delle limitazioni, essendo loro precluse alcune attività.  Ad esempio, non potevano accedere alla carriera militare.  Era un loro “diritto” ottenere la rimozione di questi divieti?  Così si è voluto credere, evidentemente.  Oggi gli eserciti occidentali sono pieni di donne, a tutti i livelli, anche nei reparti operativi, cosa che, per tacere di altri aspetti infelici, ha comportato un serio abbassamento degli standards di addestramento, per ovvi motivi di resistenza fisica alle fatiche peculiari alla milizia, nelle donne in genere per natura assai meno forte che negli uomini.
Ho portato quest’esempio per dire che, quando si parla di un diritto del soggetto, dell’individuo, bisogna anche considerare su che cosa verta questo diritto, a qual fine debba esser riconosciuto al soggetto che lo pretende.
Il fine di questi ulteriori diritti riconosciuti alle donne, in nome del principio di uguaglianza malamente inteso, non è in se stesso immorale  anche se appare inappropriato poiché consente loro attività, come il militare, per le quali non sono tagliate, con serio svantaggio per l’istituzione.  Ma quando il fine per il quale la donna vuole le sia riconosciuto un diritto dallo Stato, è quello di poter liberamente sopprimere (a suo insindacabile giudizio) il bambino che porta in grembo, allora ci troviamo o non di fronte ad fine in se stesso cattivo ed immorale, che non può esser in alcun modo riconosciuto da uno Stato degno di questo nome?  Quale moralità ci può essere nel sopprimere la vita innocente che la donna porta in sé proprio in quanto donna, ossia costituita per natura in modo da elaborare, far crescere dentro di sé e infine partorire, per l’appunto, questa vita nel neonato perfettamente formato?  La liceità del fine per il quale si vuole ottenere il riconoscimento di un nostro diritto, in quanto individui capaci di intendere e volere, è quindi determinante quanto alla concessione stessa.  E in questa liceità rientra indubbiamente anche la conformità del fine voluto con i principi della morale, considerata anche come semplice morale naturale, che indubbiamente ci vieta l’omicidio, nelle sue varie forme, aborto compreso. 
Non v’è dubbio che la dizione “diritto di scegliere” possa qui trarre in inganno.  Infatti, ciò che si vuole, richiedendo la tutela di questo “diritto”, non è tanto il poter scegliere tra l’interruzione e la continuazione della gravidanza, quanto l’autorizzazione legale ad interromperla, a giudizio esclusivo della madre.  C’è forse bisogno di un’autorizzazione del legislatore per scegliere di continuare la gravidanza? No, ovviamente.  È per interromperla, che essa occorre, poiché l’interromperla volontariamente è sempre stato sentito come cosa infame, contraria alla femminilità e penalmente sanzionabile.  Il fine perseguito  con la pretesa di chi ha voluto il riconoscimento della “libera scelta” della donna in relazione all’aborto, non concerne quindi lo scegliere tra due corni opposti di un dilemma bensì l’autorizzazione a perseguire uno dei due, quello rappresentato dalla soppressione del nascituro.

Consideriamo ora più da vicino la nozione di un diritto dell’individuo.  Stiamo parlando di quello che tradizionalmente si chiama diritto soggettivo , nel senso di diritto che appartiene al soggetto in quanto individuo singolo dotato di ragione e volontà.  L’essere umano, in quanto razionale, è considerato dall’ordinamento giuridico titolare di diritti e correlativamente soggetto a doveri.  L’animale, non avendo la ragione, non può ovviamente esser considerato titolare di diritti né sottoposto a doveri. (Il fatto che oggi si voglia parlare di “diritti degli animali” dimostra solo che il rovesciamento dei valori è arrivato a livelli impressionanti, al non-senso assoluto.  Significativamente, coloro che propugnano i “diritti degli animali” e protestano per le uccisioni degli animali dettate dalla necessità - per nutrirsi, per evitare epidemie, per difendersi - non battono poi ciglio di fronte agli aborti, alla soppressione a freddo dei bambini da parte delle loro stesse madri, nel loro stesso corpo:  non riconoscono agli esseri umani quel “diritto” alla vita che vogliono al contrario riconoscere agli animali).
Si suol dire che il diritto è costituito, quanto al suo contenuto, dal potere di esercitare determinate facoltà, riconosciute dall’ordinamento giuridico (nel nostro caso dallo Stato) come lecite.  Lecite e perciò in quanto tali meritevoli di tutela giuridica.  Possiamo allora dire che il potere di agire costituisce il contenuto del diritto del soggetto e che tale potere si attua per la realizzazione di una determinata pretesa  del soggetto stesso e quindi per un fine.  Pertanto, bisogna dire che l’ordinamento giuridico (nel nostro caso, dello Stato) autorizza l’esercizio di questo potere perché riconosce come legittima la pretesa per la quale lo si vuole esercitare.  Possiamo allora affermare che il diritto soggettivo sia la giusta pretesa del soggetto stesso, riconosciuta come tale dall’ordinamento, che ne realizza la tutela. 
Ora, bisogna chiedersi:  dov’è la giustizia nella pretesa della donna di poter scegliere di sopprimere a suo libito la vita del nascituro, che sta crescendo dentro di lei?  È una vita che la natura, secondo l’intenzione di Chi l’ha creata, ha affidato alla madre, perché la elabori con la propria carne, la faccia crescere proteggendola e tutelandola fino alla nascita e oltre.  La madre in gestazione non è solo la fattrice, è anche la custode della vita che sta portando dentro di sé, essa ha il dovere di mantenerla e difenderla in tutti i modi.  Questo dovere incombe su di lei, e in via mediata sul padre, dal momento che il nascituro non può difendersi con i suoi mezzi. Possiamo quindi dire che la madre ha un alto compito da adempiere.  Se la giustizia è soprattutto dare a ciascuno il suo, allora possiamo dire che il suo spettante al nascituro consiste proprio nel diritto ad esser difeso da colei che lo porta in grembo.  La quale, pertanto, non può in nessun modo avere il diritto di sopprimerlo, se così preferisce, quali possano essere i motivi che sul momento sembrino impellenti, che non occorre ripetere qui.  Riconoscere quel diritto alla madre significa negare quello del bambino ad esser tutelato in quanto tale, negare il suo diritto alla vita, il che sarebbe patente ingiustizia.
Ora, la norma di giustizia all’opera nel rapporto tra la madre e il figlio in gestazione è sempre e giustamente stata sentita come una norma che esiste nella natura stessa delle cose, della maternità in quanto tale e quindi della femminilità nel suo significato nobile e profondo.  Tale norma non può esser creata dalla legge positiva ma da essa solo riconosciuta, in quanto norma che appartiene ad un ordinamento che preesiste alla legge dello Stato ed è ad essa superiore:  la legge di natura, stabilita da Dio e non dagli uomini.  Per questo si è sempre pensato che l’aborto volontario violi in primo luogo la legge di natura e, simultaneamente, la legge divina poiché la natura nel senso di ordinamento morale  e fisico dell’esistente non è posta dall’uomo ma da Dio.
  Possiamo quindi concludere che la sciagurata pretesa di tante figlie del Secolo di vedersi riconosciuto il diritto di poter far liberamente abortire il proprio bambino, è del tutto ingiusta e come tale va respinta in blocco.  Non può esser inclusa nei “diritti civili” da riconoscere, nel modo più assoluto.  E ancor meno nei “diritti umani”,  discendenti dai “diritti dell’uomo” della Rivoluzione Francese, surrogato laico del diritto naturale di origine divina; cattivo surrogato poiché vuol vedere l’origine del diritto nell’umanità antropocentricamente concepita, cioè nella natura umana in se stessa considerata, buona per natura, come se si fosse posta da se stessa. Ma anche in una natura umana così concepita, come se non l’avesse creata Dio, è impossibile trovare un fondamento a un “diritto” che consenta ad una madre di abortire il suo bambino, in definitiva di travestire da diritto ciò che invece costituisce soggettivamente e oggettivamente un delitto.
Per giustificare la loro tesi, i Pro-choice sostengono che nella fase iniziale, embrionale o poco più, la vita ancora non si sarebbe sviluppata nel grembo materno, onde sopprimere il feto in quella fase non configurerebbe alcun illecito, trattandosi ancora di “masse di tessuto”(vedi supra).  E come giustificano, allora, gli aborti del secondo e del terzo trimestre?  Non vorrei sbagliarmi, ma durante la sua recente campagna elettorale, Ms Hillary Clinton, con il pieno loro plauso, non aveva forse promesso che, se vittoriosa, avrebbe promosso una legislazione ancor più “liberale” sull’aborto, da concedersi quasi al compimento dei nove mesi?  Comunque, con l’aborto di un nascituro di poche settimane, non si sopprime una vita già ben presente e sviluppata?  E allora, come lo si giustifica, dal punto di vista dei Pro-choice?
In ogni caso, come ha notato una delle ex-lavoratrici pentite di Planned Parenthood, la disputa se il crimine si compia già distruggendo il nascituro all’inizio della gravidanza, o dopo uno o due mesi, o quattro, o sei, o sette, appare priva di significato, se la vita del nuovo individuo che deve venire al mondo incomincia già col concepimento. “Se siamo convinti che la vita cominci al concepimento, c’è forse una differenza tra il bambino non nato quando è ancora un grumo di sangue o quando è un essere umano già compiutamente formato?”(p. 120). Si intende: già compiutamente formato nell’ultimo stadio della gestazione. In effetti, tra il grumo di sangue dei primi giorni e il feto che è già il bambino dei mesi successivi, non c’è nessuna differenza, quanto alla presenza in entrambi della medesima vita, che prima del concepimento non c’era;  dell’esser entrambi due momenti diversi (scalati nel tempo) ma strettamente connessi ed ugualmente vitali di un unico processo organico, consistente nella formazione dell’essere umano nel grembo della donna.  Sin dal concepimento, si ha un processo in atto nel quale ogni momento, nessuno escluso, partecipa della formazione organica dell’individuo che alla fine nascerà, maschio o femmina. 

 
Paolo  Pasqualucci, sabato 6 maggio 2017


               





[1] The Walls Are Talking, cit., p. 9.  Nelle bandelle l’editore ci informa che Abby Johnson, esperta in psicologia e counseling, ha lavorato per Planned Parenthood come “clinic manager”, dirigendo sia la pianificazione familiare che i programmi abortisti.  Nel 2008 fu eletta “impiegata dell’anno” della Compagnia. Ma nel 2009 lasciò quel lavoro e da allora divenne una appassionata sostenitrice pro-life, nota a livello internazionale.  Ha raccontato la storia della sua spettacolare conversione nel libro Unplanned, un best-seller negli U.S.A.  Ha anche fondato l’organizzazione And Then There Were None [E alla fine non c’era più nessuno], che aiuta materialmente e spiritualmente gli addetti alle cliniche abortiste a cambiare lavoro (And Then There Were None www.AbortionWorker.com).  Kristin Detrow è molto impegnata nell’aiutare i bambini afflitti da sordità che vivono in povertà e nell’organizzazione creata da Abby Johnson. Sposata, ha due gemelli maschi e una figlia adottata dall’Uganda.  Quand’era in attesa dei due gemelli, un medico le consigliò di abortire uno dei due perché già nell’utero appariva “in serie condizioni”. Ma essa si rifiutò e oggi tutti e due i gemelli stanno bene.  Ha scritto un romanzo pro-life intitolato The Intrusion. (Tutte le traduzioni dall’inglese nel presente articolo sono mie.  I diversi termini medici li ho resi secondo il linguaggio comune, eventuali oscurità sono a mio carico).